News

GameBoy, uno youtuber lo alimenta con energia nucleare per una causa benefica

Game

Ecco un GameBoy alimentato con un isotopo radioattivo, ma per una causa benefica.

Ecco un GameBoy alimentato con un isotopo radioattivo, ma per una causa benefica.

GameBoy Nuclear Energy
Luglio 23, 2021

Niente batterie…utilizziamo il Trizio!

Ci sono creazioni di ogni tipo che riguardano il GameBoy, ma quella di oggi è tutta incentrata sull’energia e sull’idea che le batterie non sono l’unica fonte di alimentazione per il classico portatile Nintendo.

Uno YouTuber di nome Ian Charnas ha dato vita ad un GameBoy con l’energia nucleare: per la precisione il nostro ha utilizzato il Trizio, un isotopo radioattivo dell’idrogeno che è possibile reperire in fiale, senza bisogno di alcuna documentazione o competenza.

Come si può vedere dal video qui sopra, il procedimento ricorda quello alla base dello sfruttamento dell’energia solare, perché il trizio produce luce collegata a delle celle che riescono a trasformare questa luce in energia. Tuttavia il GameBoy necessita di un milione di watt per funzionare, ma questo sistema ne produce solo un milionesimo. Charnas è riuscito a reperire una versione del GameBoy che utilizza solo mille watt, ma anche in questo caso, la batteria lasciata in carica per due mesi è sufficiente per un’ora di gioco al massimo.

Il risvolto positivo di questa invenzione è che il ricavato della lotteria di questo particolare GameBoy (i cui biglietti possono essere acquistati a questo link) sarà destinato all’associazione benefica Chernobyl Children International, che si occupa di bambini ancora oggi colpiti da deformazioni e altri problemi seguiti al disastro del 1986.

Potrebbe interessarti:
GameCube e GameBoy Advance sono diventate ufficialmente retroconsole.

Che ne pensate di questa particolare iniziativa? State pensando a quei biglietti della lotteria, o ad una nuova fonte di energia per alimentare il vostro GameBoy?

Fonte: YouTube,

One thought on “GameBoy, uno youtuber lo alimenta con energia nucleare per una causa benefica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *