Hitchhiker – A Mystery Game – Recensione da Autostoppista

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Genere: Avventura
Multiplayer: No
Lingua/e: Doppiaggio in inglese, testi in italiano

Questo gioco non è quello che sembra

Anche se in generale la figura dell’autostoppista nei film non è sempre positiva, nel periodo del liceo mi ha salvato spesso la vita, soprattutto quando perdevo l’autobus per tornare a casa. Però, vi immaginate di risvegliarvi tutto d’un tratto a bordo di uno sconosciuto e in una località misteriosa dispersa tra le campagne? É quello che accade in Hitchhiker – A Mystery Game, avventura grafica sviluppata da Versus Evil anche su Nintendo Switch.

Il giocatore veste i panni di un giovane autostoppista equipaggiato di zaino e senza una meta specifica da raggiungere, che dopo aver fatto l’autostop viene caricato da un signore baffuto, produttore d’uva passa e dall’aspetto innocuo, che a un certo punto incomincia a parlare della sua vita, ma gradualmente la situazione si rivela abbastanza inquietante e successivamente anche surreale, quasi come a trovarsi in un’opera di David Lynch.

Lo scopo di Hitchhiker – A Mystery Game, suddiviso in “viaggi”, cinque capitoli con cinque luoghi e personaggi differenti, è quello di dare risposta a quesiti esistenziali. Chi siamo? Dove stiamo andando?. Per scoprirlo è necessario agire sul presente e nel passato, attraverso enigmi, non sempre semplici, ed uno studio attento delle conversazioni con il conducente.

Il gameplay non è il punto forte di questo titolo, in quanto ci ritroveremo quasi sempre una posizione statica: seduti in un’auto. L’unica cosa possibile da fare è quella di ruotare la nostra visuale per ammirare il paesaggio dal nostro finestrino e interagire con gli oggetti che troveremo attorno, come l’uvetta offerta dal nostro misterioso conducente.

Se il gameplay e la varietà non è il pezzo forte di questo titolo, non possiamo dire altrettanto della narrazione e dei dialoghi, davvero ben scritti e interpretati alla grande dai personaggi.

Anche se tecnicamente non eccelle, con una grafica molto semplice e lineare, Hitchhiker offre tanto da vedere al giocatore, soprattutto in alcuni video di intermezzo realizzati con diversi stili artistici, ad esempio: uno disegnato a matita o un altro con immagini fisse visibili attraverso un View-Master, cioè uno di quei vecchi visori stereoscopici giocattolo. Il gioco è accompagnato da una colonna sonora piacevole, ma facilmente dimenticabile.

Un titolo misterioso, breve ma intenso, con una trama originale, che, a modo suo, riesce a toccare tematiche importanti, come l’amore, la vita e la morte, attraverso una narrazione e una scrittura di alto livello. Hitchhiker – A Mystery Game si aggiunge alla ricca libreria di avventure grafiche da non farsi assolutamente scappare su Nintendo Switch!

Giocato grazie ad un codice promozionale concesso dagli sviluppatori
Pro: Trama e dialoghi originali, bellissimo da vedere!
Contro: Traduzione dei sottotitoli non proprio perfetta…
8

Potrebbero interessarti

Recensioni

Circle of Sumo – Recensione

Yonder porta lo sport del sumo su Nintendo Switch, ma in un modo totalmente diverso da come potevamo immaginarlo. Circle of Sumo è una festa multiplayer!

Speciali

Fantastico Studio – Milan Games Week 2018

È tutto Fantastico La Milan Gamesweek è stata come al solito un grande momento di incontro tra ogni tipo di giocatori. Le cose da vedere

Recensioni

All-Star Fruit Racing – Recensione

Fruttariani, fatevi avanti! Da qualche anno a questa parte l’Italia ha iniziato a compiere i suoi primi passi nel mondo dell’intrattenimento videoludico. Sembra che il

Speciali

La mie paure per Metroid Prime 4

Attendo il nuovo Metroid Prime 4 con tutto me stesso. Ma gli ultimi giochi Nintendo, stanno facendo vacillare il mio entusiasmo. Perché?

Recensioni

Hey! PIKMIN – Recensione

Hey tu! Sì, parlo a te col fiore in testa! Hey Joe è un pezzo della tradizione americana portato alla ribalta dalla celeberrima versione di

Recensioni

Kirby’s Blowout Blast – Recensione

Una palletta rosa tra le parole Nintendo e 3DS! Kirby si trova alla grande su Nintendo 3DS/2DS: quella che la sfera rosa di HAL Laboratory ha

Recensioni

I and Me – Recensione

Non un gatto, ma due. O è lo stesso? I and Me è un misto tra platform e puzzle game che più indie di così

Recensioni

Flip Wars – Recensione

Flippami e Switchami tutto! Nintendo Switch e multiplayer, un connubio perfetto fin dal primo video che ha presentato al mondo la console della casa giapponese

No more posts to show