News

Monster Hunter Stories 2, ecco perché viene mantenuto il combattimento a turni

Game

Il team di sviluppo di Monster Hunter Stories 2: Wings of Ruin racconta il motivo per cui è stato deciso di mantenere il sistema di combattimenti a turni.

Il team di sviluppo di Monster Hunter Stories 2: Wings of Ruin racconta il motivo per cui è stato deciso di mantenere il sistema di combattimenti a turni.

Monster-Hunter-Stories-2-Wings-of-Ruin-NintendOn
Maggio 6, 2021

Il team di sviluppo ne parla in una nuova intervista

Nel corso dell’ultimo Monster Hunter Digital Event, Capcom ha mostrato un nuovo trailer e rivelato nuovi dettagli per Monster Hunter Stories 2: Wings of Ruin. Nonostante la serie Monster Hunter sia improntata più su un gameplay d’azione, con il secondo capitolo di Monster Hunter Stories si è deciso di mantenere il sistema di combattimenti a turni. In una nuova intervista con 4Gamer, il team di sviluppo spiega il motivo di questa decisione.

Monster-Hunter-Stories-2-Gameplay-NintendOn

4Gamer: Monster Hunter Stories 2, come il suo predecessore, presenta un sistema di combattimento a turni. Questa scelta è stata presa sin dall’inizio dello sviluppo? Potete spiegarci come mai non è stato scelto un gameplay differente?

Stories è una serie di Monster Hunter priva d’azione. L’abbiamo fatto quelle persone che non sono brave nei giochi d’azione. Coloro a cui è piaciuto il primo gioco, hanno affermato che si trattava di un ” Gioco di ruolo di Monster Hunter ben fatto”, quindi non riteniamo che sia necessario cambiare.

4Gamer: Parlateci dei cambiamenti rispetto al primo capitolo, riguardo ai combattimenti o altre funzionalità.

Una parte importante dei miglioramenti introdotti è stato ottimizzare diversi elementi che vi aiuteranno a vincere quelle situazioni alla sasso-carta-forbice. Nel primo capitolo pensavamo che potesse essere divertente leggere i vari pattern dei mostri per ottenere un vantaggio in battaglia, ma col tempo abbiamo capito che potesse essere una meccanica noiosa, quindi abbiamo deciso di cambiare le cose. Tuttavia, quei cambiamenti hanno portato a elementi basati sulla fortuna di cui ci siamo pentiti.

Con Monster Hunter Stories 2, abbiamo deciso di eliminare la politica precedente e migliorare il sistema di combattimento. Crediamo di esser riusciti a riprodurre correttamente le sensazioni che provano i giocatori professionisti di Monster Hunter.

Puoi facilmente farti un’idea su cosa fare anche se non sei molto bravo con i giochi d’azione. È un gioco di ruolo, chiunque può vincere semplicemente salendo sufficientemente di livello. Vogliamo che le persone che non sono abili nei giochi d’azione possano avere un assaggio di ciò che rende divertente i capitoli più action di Monster Hunter.

4Gamer: Ora abbiamo le quattro armi: lo Spadone, Spada e scudo, il martello, il Corno da caccia e la Lancia-fucile. Potete parlarci di più a riguardo?

È importante capire come rendere un gioco di ruolo nuovo. Ad esempio, i giochi d’azione di Monster Hunter hanno vari elementi che si differenziano in base all’arma. Per Monster Hunter Stories, abbiamo dovuto pensare a variare le battaglie a turni. Ancora una volta, Monster Hunter Stories non riguarda il divertimento come cacciatore, ma il divertimento nell’allevare mostri come cavaliere. Quindi, invece di aggiungere più armi, ci siamo concentrati sull’aggiunta di nuovi mostri.

Potrebbe interessarti: NEO: The World Ends with You, ecco perché ci è voluto così tanto tempo per un sequel

Gli sviluppatori hanno quindi deciso di mantenere un sistema di combattimenti a turni per soddisfare i fan del primo capitolo e coloro che non hanno dimestichezza con i giochi d’azione. Cosa ne pensate di quanto dichiarato a 4Gamer?

Fonte: 4Gamer,

One thought on “Monster Hunter Stories 2, ecco perché viene mantenuto il combattimento a turni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *