Masahiro Sakurai scrive sulla sua infanzia e sui giochi che lo hanno influenzato

masahiro sakurai
Masahiro Sakurai sta gestendo una rubrica per Famitsu. Nell'ultimo articolo si è concentrato sulla sua infanzia.

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Da una rubrica di Masahiro Sakurai per Famitsu

Masahiro Sakurai, creatore della serie Kirby e Super Smash Bros. Ultimate sta gestendo una rubrica per Famitsu. Nell’ultimo articolo si è concentrato sulla sua infanzia, dove ha affrontato alcuni punti interessati:

  • Kirby ha compiuto 28 anni da poco e io creo giochi da oltre 30 anni. Solo di recente ho voluto provare a scrivere su come i giochi hanno colpito la mia infanzia.
  • Durante il boom di Space Invaders in Giappone avevo 8 anni. Quando il Famicom fu lanciato sul mercato avevo 12 anni ed ero alle elementari.
  • La domenica, io e la mia famiglia andavamo a fare shopping in un supermercato. Anche se è impensabile ora, quando ero bambino, ero libero di allontanarmi dai miei genitori. Anche se non avevamo telefoni cellulari, mi permettevano di stare da solo.
  • I miei genitori mi davano 200 yen (circa 1,70 euro odierni) e mentre facevano la spesa, io andavo direttamente nella zona dei videogiochi.
  • Si trovavano soprattutto cabinati da tavolo, ma furono anche introdotti grandi cabinati arcade e sistemi laser disc. C’erano molti giochi di Taito. Una partita costava 50 yen, quindi avevo la possibilità di fare quattro partite. Consideravo attentamente le mie opzioni.
  • Quando finivo i soldi, andavo in un negozio di hobby su un altro piano, con demo dei giochi più recenti. Famicom è visto come il capostipite, ma molte console lo hanno preceduto: TV Vader, Atari, Intellivision, Arkadia, Vectrex. La prima console che abbia mai avuto è stata la Nintendo TV Color Game 15.
  • Ho anche provato i giochi LSI, come Game & Watch. Ho giocato con Pancon. Era un tempo in cui i confini erano confusi. A volte erano disponibili in negozio modelli programmabili, con tastiere come l’M5, Tomy Tutor e MSX.
  • Ma ovviamente, mentre ero completamente immerso nel gioco, i miei genitori finivano di fare shopping e venivano a prendermi. Una storia di un tempo passato …
  • Ho visitato spesso il quartiere Tachikawa, che era abbastanza vicino a casa mia. Spesso c’erano gare di videogiochi e macchine radiocomandate. A volte partecipavo e tornavo a casa con le mani piene di premi. Ero abbastanza bravo.
  • Giocavo a giochi arcade ed elettronica di consumo prima che fossero chiamati così. Ovviamente, andavo regolarmente al Game Center e noleggiavo i giochi Famicom. A 10 anni, era troppo tardi per me prendere l’abitudine di uscire per andare al negozio di caramelle.
  • Oggi, un gioco è sufficientemente grande per poter essere giocato a lungo. All’epoca, i giochi venivano sviluppati da piccoli team e venivano rilasciati rapidamente.
  • Ero molto attratto dalla difficoltà dei giochi arcade.
  • Ogni nuovo gioco e tecnologia mi faceva brillare gli occhi. Ripensandoci, potrebbe essere infantile, ma mi sono divertito molto. Non dimenticherò mai i giochi che mi hanno colpito quando ero solo un bambino!

Che ne pensate dell’infanzia di Masahiro Sakurai?

Potrebbero interessarti

No more posts to show