Zelda: Link’s Awakening, Eiji Aonuma parla dello stile grafico

Eiji Aonuma spiega in un intervista a Hollywood Reporter i motivi per cui hanno adottato questo stile grafico particolare.

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Le ‘miniature diorama’ sono state l’ispirazione

The legend of Zelda: Link’s Awakening è il remake dell’omonimo capitolo uscito su Game Boy tanti anni fa, e sembra che stia vendendo molto bene.

Ha uno stile artistico piuttosto singolare, ed è anche sensibilmente diverso da quello adottato per il gioco originale del 1993. In un’intervista a Hollywood Reporter, Aonuma spiega i motivi che lo hanno spinto ad adottare questo tipo di grafica.

Lo stile grafico venuto fuori è il risultato della rimodellazione in 3D dei personaggi 2D del gioco originale, esagerandone le varie proporzioni.
Volevamo dare la sensazione che i personaggi e gli oggetti del gioco sembrassero dei ‘diorama‘.

Abbiamo pensato che la natura delle ‘miniature diorama’ si adattasse bene al concept del gioco, essendo questo un mondo piccolo ma allo stesso tempo dotato di meccaniche profonde.

E a voi è piaciuta la grafica adottata?

Potrebbero interessarti

No more posts to show