Satoru Iwata Shigeru Miyamoto NintendOn

News

In una recente intervista Shigeru Miyamoto ricorda l’amicizia che lo legava a Satoru Iwata

Scritto da

Pubblicato il
23 Luglio 2019

Il padre di Super Mario ricorda con affetto il Presidente di Nintendo, scomparso nel 2015

La casa editrice giapponese Hobonichi ha da poco rilasciato un nuovo libro dedicato a Satoru Iwata, amato presidente di Nintendo scomparso a causa di una grave malattia nel 2015.

All’interno dell’opera è presente una esclusiva intervista con Shigeru Miyamoto, il padre di Super Mario e Zelda, all’interno della quale viene approfondito il rapporto che intercorre fra Miyamoto stesso ed Iwata. Trovate alcuni estratti di seguito:

Miyamoto:

Per me [Satoru] era prima di tutto un amico. Non è mai sembrato che fosse il mio capo o che io lavorassi sotto di lui. Non si arrabbiava mai; non abbiamo mai discusso per nessuna ragione.

Normalmente, se qualcuno più giovane di te e con meno anni di esperienza diventa presidente, potrebbe risultare difficile andare d’accordo con questa persona, ma non è mai stato così per noi due. È sempre stato abbastanza chiaro il fatto che lui fosse più adatto di me per quella carica, quindi non è mai stato un problema. Penso che questa cosa ci abbia permesso di diventare amici per davvero.

Nel periodo in cui Iwata era a capo di HAL Laboratory i due iniziarono a sviluppare l’abitudine di mangiare insieme regolarmente, soprattutto dopo che i due erano andati a prendere una tazza di ramen a tarda notte:

Miyamoto:

Nintendo non sovvenziona questo tipo di spese “sociali”, quindi abbiamo dovuto pagare il conto “alla romana” . Questa cosa è diventata una consuetudine che è durata anche dopo che lui diventato presidente dell’azienda e io sono diventato un dirigente.

Miyamoto ha poi concluso dicendo:

Miyamoto:

Da quando Satoru è morto, Nintendo ha continuato a fare molto bene come azienda. Lui ha lasciato in eredità tante cose che vivono ancora oggi nel lavoro dei nostri dipendenti più giovani. L’unico problema è che, se c’è un’idea assurda che mi viene in mente durante il fine settimana, non ho nessuno con cui condividerla il lunedì successivo. Il fatto di non potergli più sentir dire “Oh, riguardo a quella cosa …” è un po’ un problema per me. Mi rende davvero triste.

Che cosa ne pensate? Sicuramente è una testimonianza toccante, e che racconta qualcosa in più sia di Iwata sia di Miyamoto, due figure che hanno segnato la storia di Nintendo.

Fonte: IGN,
855 PHP files were required to generate this page.