Mr. Mime

News

The Pokémon Company non è certa di cosa sia Mr. Mime

Scritto da

Pubblicato il
11 Maggio 2019

Cosa essere tu?

In molti si sono chiesti quale sia la natura di Mr. Mime e neanche The Pokémon Company è in grado di dirlo con certezza.

Durante le riprese di Detective Pikachu, Rob Letterman (il regista) ha chiesto a The Pokémon Company cosa fosse esattamente quel personaggio: la risposta è stata “non lo sappiamo”. L’art director del film Ravi Bansal ha detto che The Pokémon Company non era favorevole alla presenza di Mr. Mime nel film, questo per la difficile definizione del carattere di Mr.Mime e la possibilità che il personaggio non funzionasse su grande schermo.

In un intervista con Time ecco alcune altre informazioni condivise da Bansal e Erik Nordby:

Bansal: Quando Rob [Letterman, il regista] ha proposto di utilizzare Mr. Mime abbiamo chiesto a The Pokémon Company cosa fosse e loro ci hanno risposto che non lo sapevano. In effetti stavano cercando di dissuaderci dall’usarlo, perché non erano sicuri su cosa fosse e se avrebbe funzionato bene su schermo. Ciò è risultato un po’ strano.

Nordby: Quando guardi il personaggio, subito lo trovi inquietante. Dovevamo capire su quali aspetti spingere e quali nascondere. Abbiamo deciso che ogni sua superficie doveva sembrare quella di un giocattolo. Le sue giunture sono quelle palle da dodge ball con cui giocavamo quando eravamo piccoli. I suoi guanti sono i guanti gonfiabili che troveresti a una fiera. Abbiamo dovuto trovare tutti questi aspetti che risultassero fanciulleschi.

La sua forma è così semplice: è una serie di palle e altre sagome semplici. Perciò ti metti a cercare le piccole cose che hanno un alto livello di dettaglio e che posso controbilanciare quel profilo in generale così semplice. L’aggiunta di alcune lentiggini appena pronunciate è stato un verso successo – ha anche aiutato a renderlo più carino.

Avete già visto Detective Pikachu? Che ne pensate di Mr. Mime nel film? Per ulteriori approfondimenti non perdetevi la nostra recensione!

Fonte: Time,