News

Nintendo, -9.3% di valore in borsa dopo il ribasso delle stime di vendita. Il futuro è incerto?

Scritto da

Pubblicato il
01 Febbraio 2019

Il mercato azionario colpisce ancora

I recenti dati di Nintendo riguardanti il passato anno hanno evidenziato numeri a noi giganteschi, ma che non bastano a soddisfare il mercato azionario.

Il recente ribasso delle stime di vendita di Nintendo, che vedono Switch raggiungere 17 milioni di console vendute e non 20, non è piaciuto agli azionisti. Subito dopo l’annuncio, il titolo ha cominciato a perdere valore in borsa, arrivando a chiudere con un -9.3% di valore (approssimativo). Parliamo di milioni di Yen persi per un titolo di grande valore come quello Nintendo.

Purtroppo, ai mercati azionari interessa poco che i numeri raggiunti siano quasi incredibili. Nintendo aveva promesso 20 milioni di console vendute, e arriverà invece a venderne poco più di 17 milioni. Tutto ciò si è tradotto nell’inevitabile calo di fiducia in Nintendo, con i titoli azionari venduti in massa. Sono anche molti gli utenti che si sono domandati su quale possa essere quindi il futuro di Nintendo dopo questa caduta.

Il tonfo è ben visibile

Sicuramente l’azienda sarà ben pronta a rispondere, puntando su un 2019 molto più acceso rispetto al tranquillo 2018. Nell’anno appena trascorso abbiamo visto si ottimi giochi (come il superlativo Smash Bros. Ultimate oppure il divertente Mario Party, Octopath Traveler e diverse terze parti come Dark Souls o The World Ends With You) ma ovviamente ora gli sguardi sono rivolti, speranzosi, ad un 2019 pieno di titoli.

Il futuro di Nintendo

Non per nulla la già folta lista di giochi in uscita nell’anno (Daemon X Machina, Pokèmon a fine anno, Animal Crossing, Luigi’s Mansion 3, Yoshi’s Crafted World, Town e via discorrendo) potrebbe riempirsi ancora con tanti giochi. Emily Rogers solo oggi ci ha fatto sapere che Nintendo ha ancora almeno 5 giochi da presentare per quest’anno, più un altro che farà sicuramente la felicità di tutti i giocatori. Insomma, i motivi per allarmarsi attualmente non esistono.

Nintendo continuerà a vendere console a ritmi serrati, forse anche superiori a quelli del 2018 grazie alla forte line up. E lo stesso crollo in borsa, purtroppo inevitabile, potrebbe presto essere un brutto ricordo da lasciarsi alle spalle. Certo, se comparisse un certo Bayonetta 3 potremmo anche essere più ben disposti a dimenticare il 2018…

Fonte: Borse.it,