News

Pokémon GO diventa un’attrazione turistica in Spagna

Scritto da

Pubblicato il
13 Gennaio 2019

Un pokédex nella vita reale!

Il mese di luglio del 2016 ha segnato il lancio di Pokémon GO, un progetto per dispositivi mobile iOS ed Android sviluppato da Niantic. Un titolo molto atteso soprattutto dai fan della serie, affascinati dall’idea offerta dal free to play.

In poco tempo però, la popolarità di Pokémon GO era cresciuta a dismisura, a tal punto da essere diventato il nuovo nemico da combattere. Alcuni di voi ricorderanno come molti post sui social network vedevano nell’applicazione una sorta di “arma di distrazione di massa”, pronta a lobotomizzare il mondo.

Aggiornamenti Pokémon GO

Una situazione che aveva preso una piega paradossale, spingendo alcuni paesi a vietare completamente l’utilizzo del titolo. Addirittura in Italia il Codacons aveva avanzato una simile richiesta che, ovviamente, non ha mai preso piede.

Come se non bastasse, e forse per la prima volta, furono addirittura create delle vere e proprie fake news contro Pokémon GO. Le notizie spesso sottolineavano come il gioco fosse la causa di incidenti, anche mortali. Con il tempo però, le cose sono cambiate, poco alla volta l’attenzione si è sempre più allontanata dall’applicazione di Niantic. Forse perché si è spostata verso un altro gioco diventato popolare, ovvero Fortnite.

In ogni caso, adesso Pokémon GO non sembra più essere la fonte di tutti i mali della nostra epoca. Ed è probabilmente questo il motivo che ha spinto un ente turistico spagnolo della comunità autonoma di Andalusia, chiamato Vive Andalucía, ad utilizzare questa applicazione come sorta di attrazione per i più giovani.

View post on imgur.com

L’ente ha infatti creato una vera e propria guida dei Pokémon che le persone incontreranno nei vari luoghi turistici. Un’idea molto particolare, che ricorda molto il turismo cinematografico, ovvero quella forma di turismo che si incentra sul visitare i luoghi dove sono state girate le scene di film o serie TV.

Sembra di trovarsi davanti ad una forma embrionale di “turismo videoludico“, un’idea particolare che potrebbe prendere piede anche in altri modi. Ad esempio si potrebbero visitare le software house più famose di un determinato paese. Oppure recarsi nei luoghi che hanno ispirato le zone presenti in un determinato videogioco.

Vi piace l’idea di Vive Andalucía?

Fonte: NintendoSoup,