The Legend of Zelda: Breath of The Wild, scopriamo qualche curiosità sui guardiani

The-Legend-of-Zelda-Wii-U-Natura-NintendOn
Il lead designer di The Legend of Zelda: Breath of the Wild ci parla di alcuni aneddoti sulla creazione dei guardiani presenti nel gioco.

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Il lead designer di The Legend of Zelda: Breath of the Wild ci parla di alcune curiosità inedite sul gioco

Takafumi Kiuchi, il lead designer dell’ultimo capitolo della serie di Zelda, ha recentemente svelato degli aneddoti inerenti alla creazione dei guardiani in The Legend of Zelda: Breath of the Wild.

Stando a quanto rivelato da Kiuchi, nel progetto iniziale, i guardiani non erano previsti come alleati di Link nè tantomeno come rivali e quindi il loro design era neutrale.

Ma vediamo nel dettaglio le sue parole:

L’art director del gioco mi ha dato molte direttive da seguire in merito al design dei guardiani. Il primo riguardava le molte gambe che i guardiani dovevano avere per muoversi fluidamente, il secondo riguardava le loro origini antiche. Da lì, ho iniziato a disegnare. All’inizio del progetto, non era ancora stato deciso se i guardiani fossero stati degli alleati o nemici, quindi li ho creati in modo neutrale. In questo modo, in seguito, si sarebbero potuti utilizzare in entrambi i modi. Per quanto riguarda le gambe che si muovono fluidamente, le ho progettate in modo che si potessero flettere liberamente come una fisarmonica in modo da consentire a loro un movimento rapido in terreni naturali e variabili. Ho utilizzato, per prendere ispirazione nella forma del corpo, le ceramiche a forma di fiamma dell’epoca Jamon. Se guardate un guardiano al contrario, dovreste notare la forma.

Oltre ai guardiani presenti nel gioco, c’era un progetto per un gigantesco guardiano simile ad una fortezza dotato di cannoni a raggio multiplo, ma alla fine non siamo riusciti ad implementarlo.

Dunque cosa ne pensate di queste dichiarazioni? Fatecelo sapere nei commenti.

Potrebbero interessarti

No more posts to show