SPUND! – Miyamoto arrestato per aver venduto dei Super Famicom Mini modificati, ma è un omonimo

Un uomo, chiamato Tomoyuki Miyamoto, è stato arrestato per aver venduto a tre persone dei Super Famicom Mini modificati in Giappone.

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

I nomi che ti fanno sobbalzare

Miyamoto è stato arrestato e c’entrano i videogiochi. Una notizia che avrebbe dell’incredibile, se non fosse che in realtà non si tratta del maestro Shigeru Miyamoto, ma di un uomo giapponese di 39 anni chiamati Tomoyuki Miyamoto.

La notizia è effettivamente curiosa: l’uomo ha venduto all’asta a tre persone dei Super Famicom Mini modificati, a cui erano stati aggiunti cinque giochi che, ironia della sorte, includevano anche Super Mario Bros. In Giappone questa cosa è molto grave, visto che il Sol Levante tiene particolarmente alla protezione del mercato videoludico, quindi una volta scoperto la polizia lo ha accusato di violazione di copyright, arrivando all’arresto.

Shigeru Miyamoto è quindi al sicuro, ma è davvero incredibile come ad essere protagonista di questa faccenda sia proprio un uomo con lo stesso cognome di chi rappresenta un’azienda come Nintendo.

Potrebbero interessarti

No more posts to show