Piczle Lines DX 500 nuovi puzzle! – Recensione

Una marea di puzzle sono arrivati su Nintendo Switch! Mettete alla prova la vostra pazienza con 500 schemi in Piczle Lines DX 500 nuovi puzzle!

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Genere: Puzzle
Multiplayer: No
Lingua/e: Italiano

La pazienza (e la logica) è la virtù dei forti

Avventure con trame intricate, farming, enormi open world, sfide estreme che ci portano a lanciare il pad per la stanza. A volte è bello prendersi una pausa con qualcosa di più rilassante ma che allo stesso tempo dia il giusto peso alla sfida e un senso di soddisfazione al completamento dei vari livelli. Descrizione perfetta per Piczle Lines DX 500 nuovi puzzle!, un nuovo puzzle game per Nintendo Switch sviluppato da Rainy Frog che vi regalerà tantissime ore di gioco.

Menu semplicissimo, i personaggi però son simpatici.

Partiamo da un presupposto che sarà alla base di questa recensione: questo gioco è da considerare un enorme DLC di Piczle Lines DX, formato solo (per modo di dire) da 500 puzzle da completare. Niente modalità accessorie, nessuna sfida aggiuntiva, niente multiplayer. Si seleziona uno dei tantissimi schemi e si deve portare a termine per scoprire la figura nascosta dietro quegli enigmatici numeretti.

Lo scopo di Piczle Lines DX 500 nuovi puzzle! è davvero semplicissimo, almeno da padroneggiare e da portare a termine nei primi schemi. Ci troveremo di fronte ad una griglia di diversi formati in cui troveremo dei numeri di diverso colore. Questi andranno uniti tracciando una linea ed ognuna di essa dovrà avere la lunghezza indicata dal numero di partenza e di arrivo: più facile a farsi che a dirsi. Per fare un esempio, se avremo un numero 7 e nelle vicinanze un altro numero 7 – entrambi dello stesso colore – dovremo unire questi due numeri affinché la linea complessivamente occupi sette quadratini. Una passeggiata, almeno inizialmente.

Ecco come Leonardo da Vinci ha ideato la Gioconda.

Quasi infinito

Come potete ben capire, essere di fronte a 500 schemi porta ad un innalzamento della difficoltà in maniera incredibile con l’avanzamento dei livelli, in ogni caso selezionabili tutti fin dall’inizio. Gli schemi sono divisi per categorie e ne troviamo davvero delle più fantasiose: dalle bandiere del mondo ai monumenti, alle materie scolastiche ai personaggi famosi della storia, dagli animali alle creature mitologiche. Perché questa divisione? Unendo tutti i numeri, pian piano si andrà a formare un’immagine pixellata che, una volta completata, andrà a rivelarsi in tutta la sua bellezza retrò. Come detto, padroneggiare il gioco è davvero semplicissimo, ma purtroppo a remare contro a questa facilità sono entrambi i sistemi di controllo, sia in modalità docked che touch.

Nel primo caso, infatti, utilizzando i Joy-Con (e quindi l’analogico) per muoversi sulla griglia, saremo molto più lenti e meno precisi rispetto a ciò che offrono i controlli touch, sicuramente più immediati e indicati per un gioco del genere. Allo stesso tempo, però, questi ultimi sono limitati dalle nostre stesse mani: trascinare il dito sullo schermo in una griglia che richiede una certa precisione non è l’ideale, visto che con la nostra mano andremo a coprire metà schermo della nostra console.

Alberto Angela sarebbe fiero di noi.

Giocare e basta

In entrambi i metodi di controllo, però, il divertimento non manca di certo, anche se per ogni partita, soprattutto negli schemi più grandi, bisognerà armarsi di grande pazienza. Se inizialmente infatti è possibile far pratica risolvendo i livelli più semplici, anche quasi andando a caso, basterà passare a qualche “gruppo” di schemi più difficili che oltre alla pazienza servirà una buona dose di logica, dovendo non solo capire quali numeri abbinare, ma anche quale percorso far fare alla linea per poter essere della giusta lunghezza senza andare a chiudere la strada a linee che andremo a tracciare successivamente.

Piczle Lines DX 500 nuovi puzzle! punta tutto sul gameplay, riuscendoci in maniera più che discreta. Non c’è altro con cui il giocatore può allietarsi, sia parlando del comparto tecnico che quello sonoro. Menu semplici, animazioni ridotte all’osso e un’unica musica che, alla fin fine, risulta essere abbastanza orecchiabile da non stancare mai.

Una minima parte dei 500 schemi.

Come ho detto inizialmente, Piczle Lines DX 500 nuovi puzzle! è da considerare come un enorme DLC che offre tantissime ore di divertimento, logica e pazienza. Gli amanti delle sfide in solitaria, che cercano un gioco a cui dedicare qualche decina di minuti al giorno hanno trovato pane per i loro denti. Per tutti gli altri ci sono avventure con trame intricate, farming, enormi open world, sfide estreme che ci portano a lanciare il pad per la stanza.

Ho completato una cinquantina di schemi, cosa che mi ha comunque portato via una buona dose di ore vista la difficoltà degli schemi più avanzati.
Pro: Tantissimi, tantissimi schemi. Formula semplice ma sempre intrigante.
Contro: Tantissimi schemi… e basta. Entrambi i sistemi di controllo (touch e controller) hanno degli aspetti negativi.
6.5

Potrebbero interessarti

Recensioni

Circle of Sumo – Recensione

Yonder porta lo sport del sumo su Nintendo Switch, ma in un modo totalmente diverso da come potevamo immaginarlo. Circle of Sumo è una festa multiplayer!

Speciali

Fantastico Studio – Milan Games Week 2018

È tutto Fantastico La Milan Gamesweek è stata come al solito un grande momento di incontro tra ogni tipo di giocatori. Le cose da vedere

Recensioni

All-Star Fruit Racing – Recensione

Fruttariani, fatevi avanti! Da qualche anno a questa parte l’Italia ha iniziato a compiere i suoi primi passi nel mondo dell’intrattenimento videoludico. Sembra che il

Speciali

La mie paure per Metroid Prime 4

Attendo il nuovo Metroid Prime 4 con tutto me stesso. Ma gli ultimi giochi Nintendo, stanno facendo vacillare il mio entusiasmo. Perché?

Recensioni

Hey! PIKMIN – Recensione

Hey tu! Sì, parlo a te col fiore in testa! Hey Joe è un pezzo della tradizione americana portato alla ribalta dalla celeberrima versione di

Recensioni

Kirby’s Blowout Blast – Recensione

Una palletta rosa tra le parole Nintendo e 3DS! Kirby si trova alla grande su Nintendo 3DS/2DS: quella che la sfera rosa di HAL Laboratory ha

Recensioni

I and Me – Recensione

Non un gatto, ma due. O è lo stesso? I and Me è un misto tra platform e puzzle game che più indie di così

Recensioni

Flip Wars – Recensione

Flippami e Switchami tutto! Nintendo Switch e multiplayer, un connubio perfetto fin dal primo video che ha presentato al mondo la console della casa giapponese

No more posts to show