Nintendo Switch Online, i salvataggi in cloud sono a discrezione degli sviluppatori

I salvataggi in cloud sono in arrivo, ma una nuova polemica è pronta a presentarsi. Quali titoli potranno usufruire di questa possibilità?

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Novità sul servizio online

I salvataggi in cloud sono in arrivo, ma una nuova polemica è pronta a presentarsi. Quali titoli potranno usufruire di questa possibilità?

Il servizio online di Nintendo è ormai alle porte. Mancano infatti pochi giorni al lancio ufficiale del nuovo sistema dell’azienda, ed il (purtroppo) rimandato Direct porterà con sé novità interessanti per tutti. Una tra tutte è quella che vede la possibilità di effettuare il backup dei salvataggi sul cloud, così da non perdere dati in caso di problemi con la console.

Ma c’è un dettaglio che, ovviamente, è balzato subito agli occhi dei giocatori. I vari sviluppatori dovranno integrare manualmente la possibilità di usare il cloud di Nintendo. Non è passato molto perché sulle principali pagine dedicate a nintendo scoppiasse il putiferio.

Ma che cosa sappiamo esattamente?

Ancora poco, questo è certo. Il Direct svelerà definitivamente tutte le informazioni necessarie, ma al momento sappiamo che non tutti i giochi supporteranno il backup dei dati. Questa, al momento, non può esser definita ne una buona ne una cattiva notizia. Molti altri servizi non garantiscono infatti il backup per tutti i salvataggi, come ad esempio Steam, ma solo per i titoli che li hanno integrati.

 

Probabilmente la stessa sorte toccherà anche ai titoli su Nintendo Switch. I giochi prodotti dall’azienda saranno compatibili sicuramente al 100%, mentre agli sviluppatori di terze parti toccherà aggiornare i propri titoli inserendo, appunto, la compatibilità con il servizio. Poco male quindi, è intuibile che da qui in futuro la maggior parte dei giochi potranno affidarsi ai salvataggi on cloud. Le stesse copertine dei giochi riporteranno inoltre un simbolo apposito, per indicarne la compatibilità con il servizio.

Troppo rumore per nulla, o giusta rabbia? Non ci resta che attendere pazientemente il lancio del servizio e vedere cosa accadrà nei prossimi mesi!

Potrebbero interessarti

No more posts to show