Ark: Survival Evolved, Abstraction Games parla dell’ottimizzazione del gioco su Nintendo Switch

ARK: Survival Evolved
Durante un podcast, John Day di Abstraction Games ha parlato dello sviluppo della versione Nintendo Switch di Ark: Survival Evolved.

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

La caccia si adatta in base alle situazioni

Annunciato tempo fa e passato un po’ in sordina, Ark: Survival Evolved arriverà su Nintendo Switch nei prossimi mesi, ma il fatto che un gioco del genere possa girare sulla console ibrida giapponese ha sorpreso tutti. Questo stupore probabilmente è arrivato alle orecchie di Abstraction Games, tanto che in un recente podcast il capo John Day ha parlato proprio dello sviluppo di questa versione del gioco.

Ecco un riassunto delle sue parole, che dimostrano la bontà dei lavori in corso:

Switch non ha la potenza di un high-end né tantomeno di una PlayStation 4. Non è nemmeno particolarmente vicino a quest’ultima. Ma noi siamo una società di sviluppatori, che sono in un certo senso degli ingegneri. Abbiamo delle persone straordinarie nei team, che sanno fare cose davvero eccellenti, lavorando proceduralmente e riducendo le risorse necessarie a far girare un gioco del genere.

Non sono a conoscenza di caratteristiche o contenuti che potrebbero essere state modificati in Ark: Survival Evolved per Switch, ma so per certo che il gioco è più o meno quello. Su Switch abbiamo dovuto fare alcuni adattamenti per garantire una giocabilità ottimale: non parlo solo di prestazioni, ma anche dei controlli e dell’interfaccia, cose del genere. Il nostro obiettivo non è poter dire “ok, dobbiamo portare il gioco su Switch“, ma “dobbiamo realizzare un gioco che dia lo stesso feeling in termini di qualità ed esperienza utente su Switch“.

Non ci basta dire “dobbiamo raggiungere i 720p e 30fps“, ma dobbiamo pensare all’esperienza di gioco. D’altronde anche Breath of the Wild in alcuni punti scendeva a 20fps, ma era difficile accorgersene perché Nintendo l’ha gestito in modo ottimale. Quindi penso che dobbiamo lavorare pensando più al contesto in cui ci si trova che ai meri numeri. Abbiamo fatto delle riduzioni in termini di poligoni, e poi ci sono altri trucchi… ma non ti annoierò con i dettagli tecnici.

Alla fin fine, il nostro dovere è alleggerire il gioco tanto quanto basta da non compromettere la qualità finale del gioco.

Abstraction Games sta quindi lavorando duramente per realizzare un ottimo porting, che sicuramente avrà un comparto tecnico inferiore alle altre versioni, ma che probabilmente regalerà lo stesso feeling anche su Nintendo Switch.

Potrebbero interessarti

No more posts to show