Switch Pro Controller, attenzione a quello che comprate online

La piaga dei prodotti contraffatti colpisce tutti indistintamente, e non pare volersi fermare davanti a nessuno scoglio, legale e non.

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Sarà vero o falso?

La piaga dei prodotti contraffatti colpisce tutti indistintamente, e non pare volersi fermare davanti a nessuno scoglio, legale e non.

Molto spesso, anziché spendere 70€ per un Controller di qualità, molte persone preferiscono rivolgersi a siti che promettono i medesimi prodotti a prezzi molto inferiori. Ed è proprio qui che intervengono i produttori di cloni, prodotti identici a quelli originali ma dotati di una qualità nettamente inferiore.

E’ il caso, ultimamente, del Pro Controller di Nintendo. Quest’ultimo, infatti, ha visto l’immissione sul mercato di un clone decisamente simile al prodotto originale, ma con differenze hardware che lo allontanano dal prodotto Nintendo.

Estetica

Esteticamente il prodotto si presenta praticamente identico a quello Nintendo, con tutti i tasti nelle posizioni corrette. L’unica differenza visibile è l’assenza del logo Nintendo Switch ed una plastica meno trasparente e raffinata. Anche lo spessore è identico, così come il peso.

Connettività e Hardware

Il Pro Controller di Nintendo Switch permette non solo di essere collegato tramite bluetooth (anche a dispositivi diversi da Switch) ma anche di leggere i tag NFC degli Amiibo. Il clone, in questo caso, può collegarsi tramite bluetooth alla console (ed anche al PC) e viene riconosciuto come un qualsiasi Pro Controller. Purtroppo, malgrado venga riportata sulla scatola la presenza del lettore NFC, ogni volta che proveremo a leggerne uno ci troveremo di fronte ad un messaggio d’errore.

Differenze anche per quanto riguarda l’HD Rumble, fiore all’occhiello dei prodotti Nintendo. A differenza del prodotto originale, il clone è dotato di un motorino per la vibrazione abbastanza generico che produce un rumoroso zanzario e non si avvicina neanche alla qualità dell’HD Rumble.

I tasti, posti comunque nella posizione corretta, non presentano nessun input lag ma sono molto più leggeri nella pressione rispetto all’originale. Gli stick analogici, inoltre, sono nettamente meno fluidi nei movimenti, e si nota maggiormente la durezza di questi ultimi soprattutto in giochi più frenetici.

Motion control si o no?

A quanto pare, il clone del controller presenta anch’esso un sistema per il motion control che funziona in maniera praticamente identica all’originale. Testato su titoli come Breath of the Wild e Splatoon 2, ha restituito risultati praticamente identici al controller Nintendo.

Batteria, mio dolce amore!

Il Pro Controller di Nintendo garantisce un’autonomia davvero eccezionale, che nel migliore dei casi si attesta sulle 40 ore di gioco. Il suo clone, secondo quanto riportato sulla scatola, dovrebbe durarne circa 20. Peccato che la durata massima reale si attesti sulle 12 ore e che la percentuale riportata dal controller si svuoti dal 100% allo 0% una volta terminata la carica, senza mostrare dati precisi.

L’analisi tecnica del clone del Pro Controller prosegue ancora, e mostra anche l’interno del clone smontato ed analizzato. Vi invito dunque, se foste curiosi, a leggere tutto l’articolo scritto da PixelPar in merito QUI!

Ma il prezzo? Differentemente dal controller originale di Nintendo, per cui servono 70€ (non scontato) per acquistarlo, il clone viene venduto a circa 40€. Le differenze sono davvero minime visivamente, per cui è sempre bene prestare il massimo dell’attenzione, specialmente su internet, a cosa si sta cercando di acquistare.

Potrebbero interessarti

No more posts to show