Shape of the World – Recensione

Shape of the World arriva su Nintendo Switch e ci scaraventa in un viaggio fantastico in un mondo onirico, pieno di fauna e flora inimmaginabili.

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Genere: Avventura
Multiplayer: No
Lingua/e: Testi a schermo in italiano

Non è la destinazione, ma il viaggio che conta.

Non sono molti i titoli in cui ciò che prova il giocatore vale più del gioco stesso o, meglio, il cui giudizio finale è interamente basato sullo stato d’animo e sulle emozioni che il viaggio ha suscitato. Il viaggio, proprio ciò con cui può essere identificato Shape of the World, titolo indie del piccolo studio canadese Hollow Tree Games, che con i suoi colori e la sua calma, forse troppa, riuscirà sicuramente a colpirvi, che sia positivamente o negativamente.

Le scale oniriche, un ruscello fatto di acqua luminescente, rocce, alberi e il triangolo, nostra destinazione. Shape of the World in una sola immagine.

In Shape of the World non abbiamo una storia, non sappiamo chi siamo, semplicemente dobbiamo muoverci in prima persona in un vasto mondo in continua metamorfosi. Il paesaggio intorno a noi si creerà infatti in maniera procedurale, con alberi e rocce che prenderanno forma ad ogni nostro passo. Lo scopo del gioco? Arrivare in alcuni punti specifici della mappa che, una volta attraversati, muteranno l’atmosfera e la palette di colori.

Parlare di livelli non è infatti adeguato, visto che nell’arco di circa tre ore – tempo necessario per vedere la fine – vagheremo per un intero open world, o almeno questa è la sensazione che alcune scelte strategiche degli sviluppatori portano a farci credere, visto che in alcune occasioni saremo bloccati da muri invisibili.

Una volta catapultati nella landa desolata, ai piedi di una montagna da scalare, vedremo infatti un ambiente onirico intorno a noi, con alberi la cui interazione è limitata all’abbattimento per velocizzare leggermente il movimento. Effettivamente linterazione in tutta l’avventura, a parte lo sprint subito dall’eliminazione degli alberi e, più avanti nel corso del gioco, dal “tocco” di alcune rocce speciali, termina qui. Come già detto, in Shape of the World non dovremo far altro che camminare verso una meta luminosa, godere dei paesaggi mutevoli e, al massimo, raccogliere dei semi che ci permetteranno di piantare alberi, per uno scopo mai precisato.

Sembra che tutto sia stato creato solamente per distaccarci dalla realtà, per essere per qualche breve periodo della giornata totalmente padroni di ciò che facciamo, senza che forze esterne possano influenzarci.

Uno dei luoghi più suggestivi e, in qualche modo, enigmatici del gioco.

Il senso di libertà estremo unito all’impossibilità di fare “Game Over” rendono una sessione di gioco totalmente rilassante: non bisogna preoccuparsi di nulla, solo proseguire e interagire quel minimo che serve per far apparire scale o balzare da una parete rocciosa ad un’altra per raggiungere il punto luminoso come da obiettivo.

Complice di questa sessione videoludica accostabile ad una lezione di yoga è anche il comparto tecnico, pienamente entrato nella parte di maestro zen: colori piatti e senza fronzoli, quasi psichedelici, ma che affascinano per i giochi di luce creatisi quando un ruscello luminescente va a cadere da una roccia formando una piccola cascata, o quando la fantastica fauna, nella maggior parte dei casi non pericolosa, ci guarderà come se fossimo degli estranei in quel mondo fatato.

Non essendoci una vera e propria difficoltà, il senso di progresso è scandito solo dal cambiare del meteo e dell’ambientazione per quanto, a parte pochissimi casi, dopo qualche decina di minuti comincerà a risultare piuttosto monotona. Fortunatamente interviene in maniera ottimale l’accompagnamento musicale, che pian piano si arricchisce di strumenti e percussioni dando effettivamente la sensazione di raggiungimento della meta e di avanzamento.

Hey ciao!

Shape of the World è un viaggio e lo scopo degli sviluppatori è stato centrato in pieno, ma essendo tutto basato sull’empatia di chi affronta questo percorso, dare un giudizio oggettivo è alquanto difficile. Probabilmente anche una stessa persona, se giocante il titolo in momenti diversi della propria giornata, potrebbe avere opinioni diverse, più o meno positive. In ogni caso il gioco affascina grazie ad un gameplay semplicissimo, probabilmente troppo, ma soprattutto ad un comparto grafico e sonoro d’impatto, che ci immerge totalmente in questo mondo irreale fatto di flora e fauna immaginari.

Forse un accenno di trama, qualcosa che ci spiegasse alla fin fine perché siamo lì, dove ci troviamo e perché dobbiamo intraprendere questo cammino avrebbe motivato maggiormente i più scettici, ma forse il punto di forza di Shape of the World è proprio questo: essere pienamente padroni del proprio destino e di ciò che ci circonda, cosa impensabile nel mondo reale in cui viviamo.

Ho scalato l’intera montagna in circa tre ore, raccogliendo quasi tutti i semi disseminati nel mondo di gioco.
Pro: Emozionante e d’impatto, grazie ad un un comparto tecnico semplice ma che rapisce.
Contro: Basato totalmente sulle emozioni, potrebbe quindi non affascinare chiunque. Un leggero accenno di trama avrebbe in qualche modo giovato.
7.5

Potrebbero interessarti

Recensioni

Circle of Sumo – Recensione

Yonder porta lo sport del sumo su Nintendo Switch, ma in un modo totalmente diverso da come potevamo immaginarlo. Circle of Sumo è una festa multiplayer!

Speciali

Fantastico Studio – Milan Games Week 2018

È tutto Fantastico La Milan Gamesweek è stata come al solito un grande momento di incontro tra ogni tipo di giocatori. Le cose da vedere

Recensioni

All-Star Fruit Racing – Recensione

Fruttariani, fatevi avanti! Da qualche anno a questa parte l’Italia ha iniziato a compiere i suoi primi passi nel mondo dell’intrattenimento videoludico. Sembra che il

Speciali

La mie paure per Metroid Prime 4

Attendo il nuovo Metroid Prime 4 con tutto me stesso. Ma gli ultimi giochi Nintendo, stanno facendo vacillare il mio entusiasmo. Perché?

Recensioni

Hey! PIKMIN – Recensione

Hey tu! Sì, parlo a te col fiore in testa! Hey Joe è un pezzo della tradizione americana portato alla ribalta dalla celeberrima versione di

Recensioni

Kirby’s Blowout Blast – Recensione

Una palletta rosa tra le parole Nintendo e 3DS! Kirby si trova alla grande su Nintendo 3DS/2DS: quella che la sfera rosa di HAL Laboratory ha

Recensioni

I and Me – Recensione

Non un gatto, ma due. O è lo stesso? I and Me è un misto tra platform e puzzle game che più indie di così

Recensioni

Flip Wars – Recensione

Flippami e Switchami tutto! Nintendo Switch e multiplayer, un connubio perfetto fin dal primo video che ha presentato al mondo la console della casa giapponese

No more posts to show