Little Nightmares – Recensione

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Genere: Horror
Lingua/e: Testi, sottotitoli e menù in Italiano

Piccoli incubi crescono

Gli incubi ritornano su Nintendo Switch, in una conversione intrigante e che riesce a portare con sé tutto lo spavento e le atmosfere tipiche del titolo. Sembrano ormai passati lunghi anni da quando Nintendo non voleva accettare sul suo store i titoli horror che più ottenevano successo su altre piattaforme. Nintendo Switch è stata il cambiamento anche in questo, offrendo una mentalità più aperta a tante nuove esperienze di gioco sul piccolo e grande schermo. La portatilità poi riesce a rendere tutto più interessante ed appetibile, anche la piccola gemma di Tarsier Studios.

Little Nightmares è un titolo pubblicato diverso tempo fa per le piattaforme concorrenti e per PC, dove ha ottenuto un ottimo successo nonché la nomea di uno dei titoli horror più interessanti ed originali degli ultimi anni. Il suo arrivo sulla piattaforma ibrida di Nintendo è stato quindi accolto in maniera molto positiva dai fan, che si sono subito precipitati sull’eShop per acquistare il titolo.

Il punto forte di Little Nightmares è sicuramente rappresentato dalle atmosfere, sempre in grado di tenere sull’attenti qualsiasi persona stia impugnando i Joy-con, sempre pronta a farci strisciare un brivido lungo la schiena con cambi d’atmosfera cupi e jumpscare ben costruiti, a volte in grado di far percepire il pericolo imminente o di metter fretta durante una determinata azione.

Un groppo in gola

La cosa che colpisce di più, oltre all’atmosfera, è sicuramente la direzione artistica. L’avventura procede linearmente, non ci troveremo mai in spazi open, ma sempre e solo in lunghi corridoi pieni di enigmi e, andando avanti nell’avventura, pieni di compagnia. Il mondo distorto nonché incredibilmente sproporzionato fanno parte del tratto estetico distintivo di Little Nightmares. sia nell’ambientazione sia nei nostri avversari che presenteranno sempre delle caratteristiche e fisicità differenti.

La sproporzione tra Six e tutto il mondo che la circonda rende molto bene la sensazione di impotenza e spaesamento, grazie a scenari costruiti ad opera d’arte grazie all’Unreal Engine 4 che sembrano di volta in volta inghiottire la piccola protagonista in un mondo sempre più cattivo e terribile. Il motore di gioco è stato modellato fino ad ottenere dei giochi di ombre e luci davvero eccezionali, costruiti alla perfezione e che non fanno altro se non aumentare ancora di più il valore ludico di questo titolo. Il motore di fisica del titolo poi garantisce la possibilità di interagire al meglio con una serie infinita di oggetti, tutti più o meno utili ai fini del completamento dell’avventura e per la risoluzione degli enigmi sparsi lungo tutto il gioco.

Controllare Six è, fortunatamente, molto facile ed immediato sia in modalità portatile, sia in modalità docked con Joy-con alla mano oppure con un pro controller. I comandi sono reattivi al punto giusto, ne troppo da risultare fastidioso, ne troppo poco reattivi da rendere il titolo ingiocabile. Grazie all’ottima risposta dei comandi, infatti, è davvero interessante giocare a Little Nightmares in modalità portatile, magari in una stanza chiusa completamente al buio e con un paio di cuffie di qualità nelle orecchie (è cattiveria, ma è anche un’esperienza che bisogna assolutamente provare).

Proseguendo nell’avventura, il gameplay non subirà praticamente mai dei cambiamenti importanti. Sin dal principio, lo scopo sarà quello di attraversare i diversi livelli risolvendo puzzle ambientali e scappando dai mostri che “infestano” le zone. Non ci saranno cambi di capitolo con lunghi testi da leggere, ne avremo abilità da imparare. Ci troveremo spesso, però, ad avere a che fare con gli abitanti del mondo di Little Nightmares, e non dovremo solo scappare, ma spesso dovremo pure affrontarli e sconfiggerli risolvendo determinati enigmi mentre loro cercheranno di agguantarci e portarci via con loro.

L’inclusione dell’espansione “I segreti delle Fauci” permette inoltre al titolo di trarne un ottimo guadagno in termini di longevità. Dove l’avventura principale di Six può essere terminata in una decina di ore o poco più, con le avventure del Fuggiasco potremo ottenere ancora diverse ore di gioco, alla scoperte dell’enigmatico mondo delle Fauci.

L’edizione dedicata a Nintendo Switch mantiene, insomma, la maggior parte delle caratteristiche inalterate e permette dunque di accedere ad un titolo sempre interessante, in qualsiasi posto e modalità. Ma non è tutto oro ciò che luccica, poiché anche quest’edizione soffre di un paio di problemi, sicuramente leggeri e magari risolvibili con qualche patch di aggiornamento. Anzitutto il dettaglio grafico, interessante in modalità docked, si abbassa tantissimo quando estraiamo la console per giocare in portatile, una scelta probabilmente dettata dalla necessità di mantenere integra l’esperienza dei giochi di luci ed ombre e, di conseguenza, dell’intera atmosfera del gioco.

Non mancano inoltre degli sporadici pop-up di alcune texture che sembrano caricarsi solo nel momento in cui ci passiamo sopra, ma quest’ultimo è un problema che ho riscontrato in un numero davvero esiguo di situazioni, quasi da considerarlo più un problema di poche parti del gioco piuttosto che un qualcosa di grave che potrebbe inficiarne l’esperienza.

Giocato su Nintendo Switch grazie ad un codice download gentilmente fornitoci, terminata l’avventura principale in poco più di 10 ore ed i capitoli del fuggiasco in quasi altrettante ore di gioco!
Pro: Atmosfere ed ambientazione incredibili; cambi di tensione a volte rapidi; I capitoli del fuggiasco sono inclusi; enigmi a volte da grattacapo…
Contro: … altre volte davvero banali; il dettaglio grafico in modalità portatile è davvero basso
8.0

Potrebbero interessarti

Recensioni

Circle of Sumo – Recensione

Yonder porta lo sport del sumo su Nintendo Switch, ma in un modo totalmente diverso da come potevamo immaginarlo. Circle of Sumo è una festa multiplayer!

Speciali

Fantastico Studio – Milan Games Week 2018

È tutto Fantastico La Milan Gamesweek è stata come al solito un grande momento di incontro tra ogni tipo di giocatori. Le cose da vedere

Recensioni

All-Star Fruit Racing – Recensione

Fruttariani, fatevi avanti! Da qualche anno a questa parte l’Italia ha iniziato a compiere i suoi primi passi nel mondo dell’intrattenimento videoludico. Sembra che il

Speciali

La mie paure per Metroid Prime 4

Attendo il nuovo Metroid Prime 4 con tutto me stesso. Ma gli ultimi giochi Nintendo, stanno facendo vacillare il mio entusiasmo. Perché?

Recensioni

Hey! PIKMIN – Recensione

Hey tu! Sì, parlo a te col fiore in testa! Hey Joe è un pezzo della tradizione americana portato alla ribalta dalla celeberrima versione di

Recensioni

Kirby’s Blowout Blast – Recensione

Una palletta rosa tra le parole Nintendo e 3DS! Kirby si trova alla grande su Nintendo 3DS/2DS: quella che la sfera rosa di HAL Laboratory ha

Recensioni

I and Me – Recensione

Non un gatto, ma due. O è lo stesso? I and Me è un misto tra platform e puzzle game che più indie di così

Recensioni

Flip Wars – Recensione

Flippami e Switchami tutto! Nintendo Switch e multiplayer, un connubio perfetto fin dal primo video che ha presentato al mondo la console della casa giapponese

No more posts to show