John Smedley: Sony non vuole il crossplay per una questione di soldi

Sony avrebbe denigrato il crossplay su diverse piattaforme per evitare che le persone spendessero soldi altrove e giocassero su PlayStation.

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Si sente odore di soldi nell’aria

Sony avrebbe denigrato il crossplay su diverse piattaforme per evitare che le persone spendessero soldi altrove e giocassero su PlayStation.

L’ex capo di Sony Online Entertainment, John Smedley, ha voluto rispondere alle svariate accuse lanciate a Sony in questi giorni. Il tema, ovviamente, è da ritrovare nella mancanza di crossplay con le altre piattaforme e nel blocco degli account di Fortnite per Switch.

Secondo Smedley, la motivazione alla base della scelta di non permettere il crossplay è per una decisione puramente economica. Sony non vorrebbe, infatti, che gli utenti andassero a spendere soldi sugli store delle concorrenti per poi giocare con i contenuti acquistati anche su PlayStation.

 

Ovviamente non sono mancate le immediate reazioni dell’utenza, appartenente a tutte le bandiere, che hanno prontamente condannato l’azione di Sony. E’ ovvio, purtroppo, che in questo caso a perderci sono sempre e solo gli utenti finali che non potranno giocare assieme malgrado il titolo permetta il crossplay altrove.

Potrebbero interessarti

No more posts to show