Panic Button sostiene che i porting per Nintendo Switch saranno sempre più veloci

Il capo di Panic Button ha parlato dell'arco di tempo che passa tra la data di pubblicazione iniziale di un gioco e la sua versione per Nintendo Switch

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Terze parti su Nintendo Switch sempre più veloci, se vogliono

Panic Button è diventata rapidamente una software house esperta nei porting per Nintendo Switch. Dopo aver lavorato a Doom e Wolfenstein II di Bethesda e Rocket League, lo studio sa come realizzare porting di titoli impegnativi sulla console.

Parlando con MCV, il capo di Panic Button, Adam Creighton, ha parlato dell’arco di tempo che passa tra la data di pubblicazione iniziale di un gioco e la sua versione per Nintendo Switch. Dice che la finestra si sta “riducendo sempre di più per quegli editori e sviluppatori che pianificano su Nintendo Switch sin dall’inizio”.

Deve essere una priorità per l’editore e lo sviluppatore. Vorrei che queste aziende guardassero Nintendo Switch come una piattaforma uguale quando pubblicano il loro gioco. Prima coinvolgono squadre interne o esterne come Panic Button, maggiore sarà la possibilità di avere pubblicazioni lo stesso giorno per le grandi uscite.

Per esempio, DOOM è stato completato e venduto mentre partiva lo sviluppo per la versione Nintendo Switch, e quel gioco è uscito 16 mesi dopo per la console Nintendo. Guardate invece Wolfenstein II. Siamo stati coinvolti mentre il gioco era in sviluppo e quasi finito e la versione Nintendo Switch uscirà meno di otto mesi dopo il rilascio originale. La finestra si restringe di continuo per quegli editori e sviluppatori che pianificano la pubblicazione anche su Switch sin dall’inizio.

Potrebbero interessarti

No more posts to show