E3 2018: La lista dei desideri in attesa del grande evento

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

La settimana prossima l’E3 surriscalderà i nostri animi. C’è poco da fare, il raziocinio ci porta ogni anno a volare bassi, a pensare che 40 minuti di Direct non ci sconvolgeranno certo l’esistenza.

Eppure c’è quella piccola fiammella, alimentata da un’anima ancora un po’ sognante, un po’ fanciulla, che brucia e brucia e brucia e ci porta nel fantastico mondo dell’immaginazione. Mondo che da un lato alimenta la nostra fame di videogiochi, ma che dall’altro, faccia a faccia con la realtà — una di quelle deludenti, tipo l’E3 del 2015 — accartoccia i nostri sogni senza pietà, li mastica e poi li sputa al suolo, strofinandoci sopra una suola sporca e consunta.

Non fa ridere se dopo mi annunciate il N U L L A.

Ma sognare è bello e, aggiungerei, in questo periodo persino  l e c i t o. Le delusioni sbiadiranno col tempo, ma il pre-E3, quello delle congetture, dei leak, dei viaggi mentali con gli amici e le discussioni sui social rimarranno impressi nelle nostre menti come momenti veri, tangibili.

Ecco quindi, a seguire, una lista improbabile e da veri masochisti, a tratti credibile, che se dovesse rivelarsi reale manderebbe in overdose da hype tutti i fan della Grande N. Preparate i pop-corn e trattenete le risate. Viaggiate insieme a me.

1. F-Zero

Un evergreen in questo tipo di liste, ma un motivo ci sarà pure: quanti di voi sono ancora in attesa del ritorno di Captain Douglas Jay Falcon? Ormai avrete fatto la barba bianca e qualcuno di voi avrà perso i capelli.

In attesa di un nuovo Mario Kart, F-Zero potrebbe rivelarsi il racing game perfetto, soprattutto su una portatile come Nintendo Switch, uno di quei giochi da consumare a tutto volume ed a stomaco vuoto.

Un po’ come Half Life 3 per i giocatori PC, F-Zero per i nintendari è il sogno impossibile, quell’ossessione recondita che ogni tanto torna a galla a reclamare un pezzetto di sanità mentale.

2. Ghost Trick 2

Il primo capitolo rientra probabilmente tra i primi cinque migliori giochi per Nintendo DS. La storia di Sissel, intrisa di mistero e dal finale stravolgente, così come il gameplay, ingegnoso e a dir poco assuefacente, seppero conquistare il grande pubblico e la critica specializzata.

Rimasto per un po’ nell’oblio, Ghost Trick è poi riapparso nel 2016 con una versione mobile. Io credo che Capcom dovrebbe spingere con più decisione su questo brand e donare a tutti i possessori di Nintendo Switch il seguito che si merita. E annunciarlo all’E3 di quest’anno.

3. Star Fox Grand Prix

Fox McCloud su Wii U meritava ben altro e di questo siamo consapevoli tutti. Ora, i più informati (quelli che seguono pedissequamente Nintendon.it) sapranno certamente di Star Fox Grand Prix. Per quelli meno attenti: recenti e giganteschi rumor hanno recentemente tirato in ballo questo titolo, dandolo per certo e descrivendolo come un mix tra un racing game e un classico Star Fox.

Si parla di battaglie spaziali tra un Gran Premio e l’altro, boss cattivissimi, grafica all’avanguardia, hub centrale che permetterà di interagire con altri personaggi della serie, upgrade dell’equipaggiamento, pianeti con popolazione, fauna e flora caratteristiche…

Troppo bello per essere vero, ma noi siamo qui per farci del male, giusto?

4. The Legend of Zelda: A Link to the Past Remake

Uno di quei remake che avrebbe davvero senso di esistere. Nintendo potrebbe portare uno dei capitoli più leggendari della saga su Swich, con grafica aggiornata e nuove implementazioni — magari la coop locale? — e dare in pasto ai fan un osso bello succoso da rosicchiare in attesa della prossima avventura di Link.

5. The Wonderful 102

I primi 101 sono stati un esperimento incredibile, intenso, fuori dagli schemi. Senza esagerare, un motivo valido per acquistare Wii U; peccato che non molti se lo siano filato.

Come per Bayonetta, è probabile che i ragazzi di Platinum stiano già pensando ad un porting, ma quanto sarebbe bello vedersi annunciare un seguito nel corso del Direct? I presupposti ci sono tutti: Nintendo e Kamiya sono in ottimi rapporti, con la prima che contribuirebbe sul fronte economico e il secondo che non avrebbe problemi a sfornare l’ennesimo capolavoro.

Fatelo, punto.

6. Kid Icarus Uprising 2

Già, un altro seguito, un altro numero 2. L’iterazione dell’angioletto per 3DS ha spaccato la community di appassionati, tra chi lodava il gameplay divertente e frenetico e chi malediceva i controlli di movimento.

Switch ha due analogici, quattro dorsali e tutti i tasti a prova di tunnel carpale per ospitare un nuovo capitolo in grado di riunire insieme i fan sotto la guida della bellissima Palutena.

7. Mother 4 (ma anche il 3 va bene)

Questa è proprio grossa. Siamo ancora in attesa del terzo capitolo per la virtual console, con i rumor che volevano Lucas su Wii U già due anni fa.

Nintendo sembra dormire sugli allori nonostante il successo di Earthbound in occidente, ma il vero masochista pre-E3 è quello che non demorde mai e continua a sognare qualcosa di apparentemente irrealizzabile. La Grande N è ancora in grado di stupire e noi pretendiamo che metta alla prova le nostre coronarie.

8. Pokémon Retro Collection

Questa per me è una vera e propria ossessione. Quand’ero fanciullo davo ancora poca importanza alle confezioni, ai libretti d’istruzioni e quant’altro. Quando mia madre un bel giorno decise di buttare via il superfluo, mi ritrovai con le sole cartucce da inserire nel Game Boy Color/Advance. Era fin troppo tardi quando il collezionista che è in me decise di manifestarsi.

Essendo Pokémon uno dei brand che più mi ha segnato nell’infanzia e che ancora oggi mi fa tornare bambino andrei fuori di testa dinanzi ad una collection dei vecchi giochi in formato fisico, delle vere e proprie repliche con supporto ovviamente aggiornato per essere compatibile su Switch o 3DS. 3DS anche basta, dai.

9. Super Mario Maker Switch Edition

Non sappiamo ancora se Mario si sia ormai inoltrato esclusivamente nel mondo 3D, quel che è certo è che su Wii U la community si è letteralmente scatenata con Super Mario Maker, mettendo in piedi una vera e propria enciclopedia di level design.

Creare i propri livelli sfruttando lo schermo touch sarebbe ancora possibile, forse persino più semplice con l’ibrida giapponese. Dai che non vediamo l’ora di finire i livelli autocompletabili.

10. Animal Crossing

Direi che i tempi sono più che maturi per annunciarlo. Pocket Camp sta spopolando sui dispositivi mobile, ma noi tutti abbiamo bisogno di un gioco della serie principale da giocare e rigiocare su Nintendo Switch. C’è un villaggio nel nostro cuore che ha bisogno di cure, di amore. E animaletti antipatici che non vediamo l’ora di far cadere in qualche voragine scavata nel terreno.

11. Wave Race

Chiudiamo con un altro evergreen e uno dei motivi che rende insonni le notti di un membro dello staff a caso.

La palla passa a voi, quali giochi vorreste vedere all’E3 di quest’anno?

Potrebbero interessarti

No more posts to show