Nintendo Switch, iniziati i ban degli utenti che hanno hackerato la propria console

Un utente ha raccontato la propria esperienza secondo cui Nintendo ha bannato il suo account poiché utilizzato su un Nintendo Switch hackerato.

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Sappiamo bene che, per quante misure di protezione possano essere prese, le community di hacker sono sempre all’opera per modificare e utilizzare a proprio piacere le console; Nintendo Switch non è da meno e, anzi, vista la vulnerabilità hardware scoperta e non fixabile tramite aggiornamento software, la strada verso l’hacking è del tutto aperta.

In realtà, però, sembra che Nintendo in qualche modo stia riuscendo a combattere questo “pericolo” bannando gli account presenti su console hackerate, anche indirettamente: l’utente Shiny Quagsire, famoso nelle community di homebrew, ha infatti postato su Twitter la propria esperienza, ovvero l’essersi ritrovato l’account bannato con l’impossibilità di accedere all’eShop, giocare online e aggiungere amici.

Quel che è curioso, però, è che nel momento in cui ha ricevuto l’avviso di ban, il suo account non si trovava nella console hackerata, ciò indica quindi che le console non vengono compromesse dal ban, ma quest’ultimo colpisce solo e direttamente gli account. A questo punto l’utente ha contattato l’assistenza Nintendo per chiedere spiegazioni e sperare in una cancellazione del ban, o magari sapere quanto questo durerà, ricevendo però una risposta non positiva:

L’assistenza Nintendo ha spiegato che il ban non può essere cancellato e di leggere, a tal proposito, il Contratto di licenza d’uso e termini d’uso per evitare nuovamente problemi in futuro.

Sicuramente ciò non fermerà il mondo del modding e dell’hacking, ma probabilmente questo scoraggerà la massa a provare, anche solo per curiosità, a modificare il proprio Nintendo Switch.

Potrebbero interessarti

No more posts to show