News

Un ex dipendente di Retro Studios si esprime a proposito del brand Metroid e dell’esclusività della serie su console Nintendo

Game

Jack Mathews, ex dipendente di Retro Studios, ha parlato del passato di Metroid, dello sviluppo dei giochi su Nintendo Wii e dell’esclusività della serie.

Jack Mathews, ex dipendente di Retro Studios, ha parlato del passato di Metroid, dello sviluppo dei giochi su Nintendo Wii e dell’esclusività della serie.

Retro Studios sito ufficiale
Gennaio 23, 2018

Jack Mathews, ex dipendente di Retro Studios, nel corso di un’interessante intervista rilasciata sulle pagine di Shinesparkers.net, ha parlato del passato di Metroid, dello sviluppo dei giochi pubblicati su Nintendo Wii e dell’esclusività della serie sulle console Nintendo, ritenuta da molti un’occasione persa per il brand, che su più piattaforme avrebbe ricevuto un’accoglienza migliore.

SS:

In passato hai affermato che Wii avrebbe raggiunto molti più hardcore gamer di Playstation 3 e Xbox 360. Alcuni hanno pensato che Metroid esclusiva Nintendo nascondesse il suo potenziale da franchise hardcore e bestseller. Cosa ne pensi oggi?

JM:

Penso che avremmo sviluppato un gioco migliore su altre console con più soldi e tempo a disposizione. Se avesse venduto di più? Non ne sono tanto sicuro.

Molto di Nintendo è costruito sulla nostalgia. Molti della mia generazioni si lluminano all’istante quando si parla di Mario o di Zelda. Ma quando parli di Metroid, è più come “Oh, credo di ricordarlo”. Metroid, ovviamente, ha i suoi fan, ma credo gli manchi quell’effetto nostalgia che muove le vendite di altri giochi. Credo sia una IP di nicchia e questo va benissimo, ma non credo che diventare multipiattaforma aumenterebbe le vendite.

SS:

Qualcuno ha criticato Metroid Prime 2 a causa della sua difficoltà e Metroid Prime 3 per essere troppo semplice e scomodo nei controlli. Cosa ne pensi di queste critiche, credi che questi elementi andassero bene o credi che sarebbero potuti essere migliori?

JM:

Credo che Prime 2 fosse troppo difficile, ma allo stesso tempo che avesse un sacco di altri difetti. Stare nell’oscurità era stressante, le meccaniche erano stressanti, la palette dei colori portava alla confusione e, quindi, era stressante. Il gioco portava ansia mentre lo giocavi. Era un gioco davvero difficile da sviluppare perché c’era da seguire il primo gioco, stare a sentire Nintendo, che ci aveva inglobati da poco, e quindi bisognava collaborare e fare tesoro delle critiche. Questo ha portato al prodotto finale.

Credo che Prime 3 sia stato criticato a causa del livello iniziale, per la linearità e la cinematica — abbiamo speso un sacco di tempo in questi elementi per renderlo vicino ad Halo — era più come gli FPS e meno come Metroid. Il gioco diventava un Metroid una volta giunti a Bryyo. Anche SkyTown era un’area incredibile sia dal punto di vista del gameplay che dello spettacolo.

Sono in totale disaccordo sulla questione motion control. Ho amato i nostri controlli Wii.

Miglioramenti? È difficile perché lo sviluppo è così iterativo — molte cose buone vengono costruite sulla base dei fallimenti. E molti fallimenti sono il risultato di limitazioni irrimovibili. Avrei amato molta più differenziazione tra la luce e l’oscurità di Prime 2, ma non c’erano nè tempo nè soldi.

Ma di certo non avremmo mai trovato una soluzione tecnica per rendere il mondo oscuro più interessante, e ciò porta al fatto che l’oscurità completa non è divertente — nei primi concept Samus poteva camminare con una luce emessa dalla sua armatura ed era semplicemente impossibile da giocare. Quindi, qual è la soluzione? Pianificare meglio? Meno contenuti? Essere più intelligenti? È difficile da sapere, con le informazioni che avevamo al tempo, cosa sarebbe potuto essere differente.

Ho però in mente un miglioramento. Il multiplayer di Metroid Prime 2 non sarebbe mai dovuto esistere.

Cosa ne pensate di queste parole? Avete amato i Prime o c’è qualcosa che avreste migliorato di quei capitoli?

6 thoughts on “Un ex dipendente di Retro Studios si esprime a proposito del brand Metroid e dell’esclusività della serie su console Nintendo

  1. l’unica cosa che posso dire è che il 3 l’ho divorato, non avevo mai giocato così tanto tempo di fila prima di allora, solo che oggi mi ricordo abbastanza poco se non le cose più importanti, a differenza degli altri due metroid, tra l’altro paradossalmente ho trovato molto più semplice giocare al secondo, il primo aveva l’inizio dello stesso livello, poi bisognava trovare in tutto il mondo quei maledetti artefatti chozo e li il ritmo veniva spezzato tremendamente e diventava più complicato

  2. Bella intervista, ce ne fossero di più così rispetto a quelle in cui tutti chiedono le stesse cose fatte su aspetti ovvi o triti e ritriti solo per promuovere il gioco di turno.

    1. Esattamente quello che stavi pensando anche io, pur non avendoli (ancora per poco si spera) giocati è stata sicuramente una delle migliori interviste che abbia mai letto.

  3. Prime 2 difficile, ma finito sul cubo.
    Il Corruption con i comandi wii mi faceva pena, sempre col braccio teso a puntare il tv!
    Meglio 1000 volte lo z lock del cubo!!

  4. Concordo col developer sulla questione controlli. Per me veramente perfetti, mi hanno fatto pensare “ma come facevo prima a giocarci sul cubo?”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *