Super Mario Odyssey, Kate Higgins parla del suo ruolo di doppiatrice di Pauline

La cantate Kate Higgins racconta come è stato registrare la canzone di Super Mario Odyssey e come è stata scelta per questo compito.

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

La poderosa campagna di marketing di Super Mario Odyssey si è basata tantissimo sul brano “Jump Up, Super Star!” cantato nella versione inglese dall’attrice e cantante Kate Higgins che nel corso della sua carriera ha dato la voce a vari personaggi sia negli anime come Naruto, sia in alcune precedenti produzioni Nintendo come Fire Emblem Awekening e Xenoblade Chronicles 2.

Intervistata da Game Informer, l’artista ha parlato di alcuni retroscena sulla sua partecipazione a questo progetto. Su come è stata scelta per cantare il brano la Higgins ha dichiarato:

Bene, Mi è stato chiesto dai miei amici del Cup of Tea studio, che stavano realizzando tutta la registrazione vocale, se ero interessata a cantare una canzone per un videogioco Nintendo. Mi hanno raccomandata al cliente in Giappone e in sostanza mi hanno fatto provare facendomi inviare alcuni campioni della mia voce. Non so se altre donne erano in corsa o meno, ma fortunatamente è piaciuto ciò che ho mandato e hanno detto “Sì, facciamolo!”

Non ricordo quando ho scoperto che la canzone era per Super Mario Odyssey. Forse è accaduto pochi giorni prima della sessione di registrazione effettiva.

L’attrice ha poi continuato parlando di come è stato dare voce al personaggio di Pauline.

Apparentemente è una grande sfida perché lei non ha mai parlato prima. È un onore ed è eccitante prestare a lei la mia voce.

Eppure non è la Higgins a vestire i panni di Pauline dello spot.

Non sapevo che ci sarebbe stato uno spot come quello. Non ti dicono mai queste cose [ride]. Se avessi saputo, avrei trovato un modo per ottenere quella parte!

Kate ha anche parlato di come è avvenuto il processo di registrazione.

Avevamo una cantante giapponese che ha realizzato la versione demo che mi ha inviato settimane prima della sessione di registrazione. In più avevamo uno spartito, dove era scritta la musica. Io leggevo la musica e ho apprezzato molto lo spartito, soprattutto in questo caso perché questa canzone non era semplice.

Quindi sì, ho cantato su una base già arrangiata.

La cantante ha rivelato le modalità con cui Nintendo ha supervisionato la registrazione.

[…] Alcuni uomini di Nintendo erano lì, così come i dirigenti in Giappone lo erano via Skype. Sono stati così gentili e grati e mi hanno assicurato che stavo per registrare qualcosa di grande che avrebbe reso felici milioni di persone. E sembra che sia così! Naturalmente non mi prendo tutto il merito per questo. È una bella canzone. Faccio davvero i complimenti agli scrittori e produttori.

Potrebbero interessarti

No more posts to show