Gli sviluppatori indie parlano del successo dell’eShop di Nintendo Switch

Alcuni sviluppatori indie si pronunciano sul momento d'oro di eshop di Nintendo Switch e sui risvolti che questo successo comporta sul mercato indie.

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Nintendo Switch sta infrangendo record su record soprattutto in Giappone, portando l’azienda di Kyoto ad aumentare la produzione mensile di console. A questo si aggiunge un successo anche per quel che riguarda eShop. Sullo store digitale della console ibrida di Nintendo sono infatti stati pubblicati numerosi giochi tra indie e non e molti di questi di altissima caratura. Basti pensare ai recentissimi Stardew Valley, Axion Verge, Oxenfree.

Intervistati da Games Industry, alcuni sviluppatori hanno analizzato questo momento d’oro per il mercato Switch. Ha parlato Shahid Ahmad, ex capo di Indie PlayStation e ora uno sviluppatore indipendente.

Nintendo ha fatto bene con la corte di sviluppatori indipendenti. La comunicazione non è stata sempre perfetta, con “Nindies che implica una certa proprietà che è dissonante. Questo significa che gli sviluppatori li apprezzano (io di sicuro li apprezzo) e che Nintendo ha alcune persone che lavorano bene in questo ambito.

Ci sarà sempre una opportunità per chiunque sia competente di lanciare un gioco nella prima parte di vita di una piattaforma; c’è alta domanda e bazza offerta. poche console mainstream hanno avuto la lungimiranza di catturare subito l’immaginazione degli sviluppatori indipendenti, Penso che PlayStaion 4 e Nintendo Switch siano esempi di questo fenomeno.

Ha parlare del successo dell’eShop di Nintendo Switch ha parlato anche David D’Angelo, sviluppatore presso Yacht Club, che ha commentato i positivi risultati di Shovel Knight su Nintendo Switch.

Shovel Knight, che aveva quasi 3 anni quando è stato lanciato su Switch, ha venduto subito [su questa piattaforma] più unità di qualsiasi altra piattaforma.

Ma esiste anche la possibilità di saturare gli store con troppi titoli dei quali solo pochi emergeranno come dichiarato da Tom Tomaszewski, programmatore presso Crunching Koalas.

C’è una sostanziale corsa e tutti vogliono pubblicare il proprio titolo su Switch il prima passibile, il che secondo me non è quello che vorrebbero i possessori di Nintendo Switch.

Alcuni sviluppatori ed editori stanno rilasciando build poco rifinite – date una occhiata alle patch rilasciate su eShop nelle recenti settimane – o titoli davvero incompleti che richiedono poco altro lavoro per essere portati su Switch. So che questa settimana sono stati rilasciati 18 titoli, ma quanti di questi hanno davvero chance di avere successo? Penso solo un pugno.

Non è ancora troppo tardi, ma non si può pubblicare qualunque cosa (non ci sono molti shooter o puzzle game). E se sei un indie che porta un gioco che è già sul mercato su altre piattaforma, devi assolutamente aggiungere nuovi contenuti per Switch; questo rende il tuo marketing più facile e forse le persone che sono in Nintendo ti aiuteranno con la tua visibilità.

Potrebbero interessarti

No more posts to show