Psyonix parla di come ha portato Rocket League su Nintendo Switch

Rocket League Psyonix Nintendo Switch Cross-Platform
In un intervista con GamesBeat il capo produzione di Psyonix Jeremy Dunham parla di come Rocket League sia stato portato su Nintendo Switch.

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

In un intervista con GamesBeat il capo produzione di Psyonix Jeremy Dunham parla di come Rocket League sia stato portato su Nintendo Switch.

Il nostro obbiettivo con il porting di Rocket League su Nintendo Switch era quello di farlo sembrare e farlo percepire esattamente come Rocket League su altre piattaforme. Non volevamo fare alcun compromesso. Siamo abbastanza fiduciosi su questo. All’inizio però non ne eravamo così sicuri. Abbiamo dovuto fare del lavoro personalizzato. Nintendo Switch di per se non ha un supporto di base per l’Unreal Engine 3, ha solo l’Unreal Engine 4, per supportare il 3 abbiamo dovuto fare del lavoro personalizzato. Il principale compromesso che abbiamo dovuto fare è stato quello di realizzare il gioco in 720p anziché 1080p, anche sulla TV. È stata nostra opinione che sarebbe stato meglio permettere al gioco di girare a 60 frames al secondo piuttosto che farlo apparire assolutamente perfetto graficamente. Il gioco si mantiene sui 60 frame al secondo in entrambe le versioni, sia connesso alla TV che in versione portatile. Siamo arrivati al punto dove pensavamo di arrivare. Non pensavamo di riuscire a farlo girare così liscio e così presto. Per un po’ eravamo preoccupati del fatto che non avessimo niente da mostrare all’E3. Abbiamo un un team davvero talentuoso alla Psyonix, i nostri ingegneri hanno fatto un sacco di duro lavoro per far si che il gioco girasse così bene come fa ora. Abbiamo scoperto cose di cui non eravamo a conoscenza poche settimane fa. Già il gioco si esegue magnificamente, siamo molto incoraggiati da questo risultato.

Potrebbero interessarti

No more posts to show