Beyond Good & Evil 2, un vero universo di gioco e tante nuove informazioni dalla demo a porte chiuse

Dal blog di Ubisoft che racconta quanto accaduto nella demo mostrata a porte chiuse all'E3, arrivano tante e nuove informazioni per Beyond Good & Evil 2.

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Dal blog di Ubisoft che racconta quanto accaduto nella demo mostrata a porte chiuse all’E3, arrivano tante e nuove informazioni per Beyond Good & Evil 2, prequel dell’omonimo gioco uscito nell’ormai lontano 2003, che vi riportiamo riassunte qui di seguito.

Presenti alla demo a porte chiuse c’erano il creative director Michel Ancel, il narrative director Gabrielle Shrager, e il producer Guillaume Brunier, che hanno spiegato molte delle cose che venivano mostrate sullo schermo.

In primis l’universo di gioco è un vero e proprio universo: la città vista nel trailer in CGI è solo una piccola città di un pianeta molto più grande, che a sua volta è il satellite di un altro pianeta di dimensioni maggiori, facente parte di un sistema solare molto complesso. Il tempo di gioco – e le varie condizioni di luce – saranno scandite dalla rotazione dei pianeti, che comporterà quindi situazioni di luci estremamente diverse in base alla posizione che assumeranno i pianeti rispetto al Sole.

Per la navigazione di questo ampio universo avremo a disposizione la nave pirata vista alla fine del trailer, che fungerà inoltra da base del protagonista e della squadra. Sarà completamente controllabile e avrà un garage per le navicelle più piccole (anch’esse controllabili).

Il protagonista sarà un personaggio creato dal giocatore e potrà essere maschile o femminile, avrà alcuni elementi standard tra cui poter scegliere ed altri creati proceduralmente. Anche le città saranno in parte generate proceduralmente: il loro design sarà un misto fra elementi creati a mano e generati da vari algoritmi e potranno espandersi, essere distrutte, collegarsi ad altre ecc.; tutto accadrà in tempo reale e nulla sarà scriptato.

Per quanto riguarda la storia, viceversa, sarà uguale per tutti. Le tappe e gli obbiettivi da completare saranno sempre gli stessi per ogni giocatore, ma cambierà il modo di potervi approcciare. Ad esempio ci si dovrà introdurre in una prigione e liberare un prigioniero che si unirà al nostro equipaggio: in quel caso capiterà che, parlando con un amico, ci si accorgerà che lui avrà adottato soluzioni completamente opposte dalla nostra, ma il risultato finale sarà sempre lo stesso, e cioè che quel prigioniero verrà liberato e si unirà all’equipaggio.

Infine, essendo un prequel, scopriremo molto dei personaggi del primo, in quanto il titolo è ambientato circa una generazione prima di Jade e del primo capitolo.

Ricordiamo che attualmente non sono state ancora indicate le piattaforme di gioco, anche se gli ultimi rumor da Ubisoft Spagna riportano il gioco in arrivo anche su Nintendo Switch.

Potrebbero interessarti

No more posts to show