The Legend of Zelda: Breath of the Wild non ha influito sulle meccaniche di Super Mario Odyssey

Miyamoto sottovalutati Wii U
Shigeru Miyamoto ha rilasciato un'intervista dove parla di The Legend of Zelda: Breath of the Wild e Super Mario Odyssey.

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Nel corso di un’intervista a Game Informer, il famoso game designer Shigeru Miyamoto ha rilasciato alcune dichiarazioni riguardanti due importanti opere di Nintendo: The Legend of Zelda: Breath of the Wild e il recente Super Mario Odyssey.

Quando gli è stato chiesto se il successo di The Legend of Zelda: Breath of the Wild avesse influito sulle nuove meccaniche di Mario Odyssey il game designer ha risposto così:

Partendo da me, credo che all’interno di Nintendo ci sia una filosofia di fondo. Ad esempio, il team che si occupa di Mario e il team di Zelda si trovano in due diversi luoghi (uno a Kyoto, l’altro a Tokyo) per cui non hanno una comunicazione diretta. Tuttavia, le persone che conducono e organizzano i team, hanno questa filosofia di fondo di essere in contatto diretto con me.

Per quanto riguarda Odyssey e TLZ: Breath of The Wild, onestamente, se avessimo dovuto aspettare il successo di quest’ultimo per sviluppare Odyssey sarebbe stato troppo tardi. Quindi nessuno dei due ha influito sull’altro. Io credo che quello che ho fatto con entrambi i team quando ho toccato qualunque prototipo o test che loro mi hanno portato sia stato di provare ad accertarmi che andassero bene, e andavano bene.

Successivamente, gli è stato chiesto quanto consideri la trama nella saga di Mario e se per lui fosse più importante che ci fosse una consistenza di base o una differenziazione tra i vari giochi:

Credo sia tutto ok ed è bello che Mario continui ad evolversi, anche con questo titolo. L’idea di New Donk City? Pensare che Mario si potesse muovere liberamente in una città abitata da persone normali che sono alte il doppio in confronto a lui ci ha preoccupato abbastanza, perchè non sapevamo se la gente comprendesse questo cambiamento o sapesse accettare questa novità. Tuttavia, fortunatamente, sembrerebbe essere stata presa con grande naturalezza.

Potrebbero interessarti

No more posts to show