Mario + Rabbids Kingdom Battle, intervistato Davide Soliani, direttore creativo di Ubisoft Milan

GamesIndustry ha avuto la possibilità di intervistare Davide Soliani, direttore creativo di Ubisoft Milan, su Mario + Rabbids Kingdom Battle.

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

GamesIndustry ha avuto la possibilità di intervistare Davide Soliani, direttore creativo di Ubisoft Milan, su Mario + Rabbids Kingdom Battle. Davide ci parla delle origini del nuovo titolo per Nintendo Switch, che unisce il mondo di Super Mario e quello dei Rabbids, e del suo rapporto lavorativo con Shigeru Miyamoto.

“Quando io e il mio team siamo stati chiamati per lavorare con Nintendo, con un gioco avrebbe potuto includere sia Mario che i Rabbids, abbiamo immediatamente compreso che era l’opportunità della nostra vita. Abbiamo lavorato giorno e notte per fondere insieme al meglio questi due mondi e trovare qualcosa che fosse unico sia per Mario, che per i Rabbids.

 

Abbiamo scelto un nuovo genere. Come fan dei giochi tattici, abbiamo amato l’idea di usarli per proporre qualcosa di nuovo per un gioco a turni, per un approccio diverso, ma allo stesso tempo volevamo restare fedeli all’universo di Mario. Ecco perché abbiamo voluto mescolare le fasi di combattimento tattiche con fasi di avventura. Abbiamo messo insieme dei poster e abbiamo definito i nemici e il tono.

 

Tre settimane e mezza dopo quella riunione interna, abbiamo avuto l’opportunità di creare un piccolo prototipo e presentarlo a Nintendo. Quando ho finalmente incontrato Mr Miyamoto, creatore del mio gioco preferito e ispirazione per tutta la mia carriera, mi sono sentito come se fossi diviso in due – l’appassionato giocatore di Nintendo e il direttore creativo di Ubisoft. Sono stato diviso tra l’urgenza di chiedere un autografo e la responsabilità di rappresentare il gioco nel modo più professionale.

 

Ci disse di essere rimasto impressionato, quindi andò bene, ma continuò a chiederci come è stato possibile avere Mario e Luigi nel nostro gioco, perché sembravano identici a quelli di Nintendo. Ma la verità è che, anche se abbiamo avuto solo tre settimane e mezza per arrivare a quel prototipo, abbiamo deciso di ricreare Mario e Luigi da zero. Abbiamo guardato tutti i giochi Nintendo che abbiamo potuto, per assicurarci di traslare la loro essenza nel nostro gioco. E credo che sia stato in quel preciso momento che siamo riusciti a convincere Nintendo con la nostra passione e il nostro impegno.

 

Dopo di che, tutto è accaduto a velocità leggera. Abbiamo incontrato i ragazzi di Nintendo con Kyoto diverse volte e abbiamo volato con il codice.

 

Grant Kirkhope si innamorò così tanto del gioco, che il mio cellulare suonava – più volte – alle 3 del mattino. Era solo Grant che diceva: ‘Hey Davide, guarda i diversi brani musicali che ti ho mandato’. Ho cercato di spiegargli più volte che siamo in Europa e con LA c’era una differenza di sette ore, quindi era notte. Inutilmente. Questo è solo un piccolo esempio di come questo gioco è stato un viaggio incredibile. E di come Mario + Rabbids Kingdom Battle è diventato un lavoro di amore. È un sogno che si avvera per noi, non solo come sviluppatori di giochi, ma anche come giocatori.”

Potrebbero interessarti

No more posts to show