News

Axiom Verge, Dan Adelman è frustrato con Nintendo per i ritardi nella pubblicazione

Game

Dan Adelman è frustrato con Nintendo circa la pubblicazione di Axiom Verge, rimandato per motivi poco chiari il gioco poteva uscire al lancio della console.

Dan Adelman è frustrato con Nintendo circa la pubblicazione di Axiom Verge, rimandato per motivi poco chiari il gioco poteva uscire al lancio della console.

cameo dedicato a Metroid Axiom Verge Nintendo 3DS porting su NX dan adelman
Aprile 28, 2017

Dan Adelman è abituato a lavorare con Nintendo, concentrandosi in particolar modo sul digitale. Da quando si è dedicato ad altri progetti si è strettamente legato ad Axiom Verge. È stato fondamentale per portare il gioco su numerose piattaforme, inclusa Wii U. Adelman e lo sviluppatore di Axiom Verge, Tom Happ, hanno voluto portare il gioco anche su Nintendo Switch, ma non c’è nulla di ufficiale per ora.

Stando ad alcuni Tweet scritti da Adelman, Axiom Verge, avrebbe potuto arrivare su Nintendo Switch già al lancio della console il 3 marzo.

La situazione sembrerebbe essere diventata un po’ confusa in seguito a questo Tweet. Sta circolando su internet un’immagine (che potete vedere su questa pagina di NeoGAF) con un ulteriore risposta di Adelman alla discussione che si è generata, in cui si parla del fatto che si cerca di parlare con Nintendo della pubblicazione di Axiom Verge su Nintendo Switch da oltre un anno, oltre a mostrare il modo alquanto colorito con cui lo stesso Adelman si sarebbe rivolto a Nintendo, non è chiaro se il post sia stato eliminato al volo, o se sia sparito per qualche altro motivo, ma sembra che non lo si riesca a trovare tra le risposte al Tweet di partenza, si potrebbe pensare anche ad un eventuale di un immagine photoshoppata.

Quello che per ora sappiamo per certo è che Adelman ed Happ vogliono portare Axiom Verge su Nintendo Switch, ma la cosa non è ancora andata a buon fine, e non ci sono dubbi che entrambi sono stati in contatto con Nintendo per questo titolo, ma c’è stato qualche problema che ha finora impedito che la cosa accadesse, di certo non per mancanza di tentativi e impegno.

9 thoughts on “Axiom Verge, Dan Adelman è frustrato con Nintendo per i ritardi nella pubblicazione

  1. la situazione è più complicata di quanto sembri, stando a quanto scritto da NintendoLife, alcuni sviluppatori indie, in particolare quelli Americani, stanno cercando in diversi modi per poter pubblicare i loro giochi su Switch, ma la nuova politica Nintendo di non mettere giochi di bassa qualità sullo shop sta rendendo tutto più inutilmente complicato, per esempio chiede ai sviluppatori feature esclusive per Switch o esclusività temporanea. Senza contare che molti giochi sono stati bloccati perché a detta di Nintendo, non vuole porting sullo shop (anche se ne sono usciti parecchi su Switch), creando una situazione di disagio e frustrazione per molti, spero che in qualche modo Nintendo dopo questo periodo di lancio si rilassi e slacci un po’ i nodi che sta facendo sugli indie e si, capisco che vogliono mantenere la qualità dello shop alta e non trovarsi merdacce che ora escono puntualmente su Wii u, ma di far arrivare anche senza problemi indie d’alta qualità come Axiom Verge.

    1. Non è questo il punto, io ho letto tutto l’articolo ed ho capito che a molti sviluppatori è stano negato di fare porting dei loro giochi su switch, dicendo inoltre che per binding of Isaac, shovel knight e stardew valley si può fare, mentre per loro no. Poi hanno criticato anche questa scelta di Nintendo dicendo che i primi mesi di Switch sono un continuo loop di porting (Zelda e Mario kart) e quindi si sentono un po’ presi in giro da questo comportamento.
      Il fatto dei giochi di bassa qualità non è proprio vero, non c’entra, guarda che titoli già ci sono sull’eshop: vroom vroom. Dai, non regge.

      Gli sviluppatori chiedono a Nintendo di ampliare la sua organizzazione del team indie.

      Poi altri dicono che non ci hanno sviluppato sopra perché Nintendo voleva l’esclusività di ciò che stavano sviluppando, ovviamente agli sviluppatori non conveniva e non hanno avuto quindi la possibilità di svilupparci sopra.

      1. Ma poi basterebbe rivolgersi a NOE e dire alla gente “sentite bei, NOA ci metterà 6 mesi a sfilarsi la testa dal culo, scaricate dall’eshop europeo e morta li”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *