The Legend of Zelda: Breath of the Wild, secondo Aonuma l’open world è il futuro della saga

The Legend of Zelda: Breath of the Wild E3 Game of Show Aonuma multiplayer lancio Eurogamer gameplay Nintendo Treehouse Eiji Aonuma Skyward Sword Shigeru Miyamoto
Durante un'intervista a Famitsu, Eiji Aonuma ha dichiarato che a partire da The Legend of Zelda: Breath of the Wild, l'open world sarà il futuro della saga.

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

L’ultimo capitolo di The Legend of Zelda è riconosciuto come uno dei titoli più belli della saga e della storia videoludica in generale: i motivi sono molti e tra questi rientra sicuramente la natura open world di Breath of the Wild, pensata e realizzata in modo che il mondo di gioco sia vivo, con continue scoperte e non solo un hub in cui muoversi per raggiungere l’obiettivo.

Onori e oneri per questo capitolo dunque, che segna un nuovo inizio per la saga e che va ad innalzare l’asticella della qualità e delle aspettative sui futuri The Legend of Zelda; come riportato su Twitter, a tal proposito Eiji Aonuma, intervistato da Famitsu, ha dichiarato proprio che, secondo il suo pensiero, “l’open world è il futuro della saga e sarà lo standard per i prossimi The Legend of Zelda“.

Una notizia che può sembrare scontata ma che già ci fa proiettare verso domande che troveranno risposta chissà tra quanti anni: in che modo Nintendo riuscirà a migliorare ancor di più la concezione di open world? Avremo il ritorno dei dungeon come da tradizione della saga? Nel frattempo non ci resta che goderci The Legend of Zelda: Breath of the Wild, con un approfondimento della storia grazie al DLC in uscita nell’ultimo periodo dell’anno.

Potrebbero interessarti

No more posts to show