Guide

Guida all’acquisto delle schede microSD per Nintendo Switch – Speciale

Scritto da

Pubblicato il
28 Marzo 2017

Amazon è vostro amico

Nintendo Switch è infine giunto e siamo tutti a conoscenza di un suo possibile limite: la memoria interna. A fronte di un modulo da 32GB installati, tra conversione di base e sistema operativo, ci ritroviamo solo con 25,9GB per l’utente e qualora si volesse andare per acquisti digitali, lo spazio interno potrebbe esaurirsi facilmente. Nintendo Switch è dotato di una porta di espansione in grado di ospitare una scheda microSD. Quali criteri devo valutare per l’acquisto di una scheda del genere?

Capacità

Essendo delle memorie, vanno osservate sotto due punti di vista. Capacità e velocità di lettura/scrittura. Per quanto riguarda la capacità è abbastanza semplice. Le schede fino a 2GB di spazio sono classificate come SD, quelle che vanno dai 2GB ai 32GB sono classificate come SDHC e quelle che superano i 32GB per arrivare ai 2TB (ancora non in commercio tra l’altro) sono classificate come SDXC. Nintendo Switch è dato compatibile con gli ultimi due formati fino alla dimensione massima. La scelta delle capacità dipende dalle vostre esigenze. Ricordiamo che Nintendo Switch, usando cartucce, non ha bisogno di installazioni, quindi la memoria interna serve semplicemente per salvataggi, aggiornamenti, DLC e acquisti digitali. Ricordate che le memoria effettiva usabile dei prodotti in commercio è pari circa al 93% di quella dichiarata.

SD_spiegazione
Piccola guida grafica al simboli spesso indicati sulle schede

Velocità

Il secondo punto, quello della velocità, è tutt’oggi un mistero. Non sappiamo che velocità massima sia supportata dalla console, quindi mi limiterò a consigli generici. Le schede di memoria vengono classificate in base alla velocità di scrittura sequenziale minima, perché vengono di solito usate per salvare video e foto. La classificazione ha però anche un riscontro sulla velocità di lettura, fondamentale nell’uso in una console da gioco, perché più è elevata, minori saranno i caricamenti.

Le schede SDHC sono classificate con un numero che indica quanti MB/s sono disponibili per la scrittura. Le SDXC hanno invece un simbolo diverso, una U con dentro un numero che indica le decine di MB/s di scrittura. Infine esiste un’altra classificazione, che segue le lettere V seguite dal numero di MB/s in scrittura. Queste possono raggiungere velocità molto elevate perché sono pensate per registrare in 4k o 8k. C’è anche un altro fattore per quel che riguarda la velocità. Il tipo di bus usato dalla scheda di memoria. Questo è simboleggiato da un numero romano sulla scheda. Un I simboleggia la tecnologia UHS-I che viaggia dai 50MB/s ai 104MB/s, mentre un II implica un bus in grado di scambiare dai 156MB/s ai 312MB/s, il supporto di tale bus II non sarebbe male per il caricamento dei giochi.

Cosa comprare?

A questo punto quali schede comprare? Il mercato è pieno di schede da ogni produttore e che coprono un’ampia fascia di prezzo. Consiglio di vedere il prezzo delle schede come il rapporto euro per gigabyte, aiuta a capire meglio quale taglio sia quello effettivamente più conveniente.

Sull’economico ci sono sempre le schede Samsung. In termini di performance non sono le migliori, ma sono di un marchio consigliabile qualora vogliate spendere poco. La loro serie EVO+ ha un ottimo rapporto prezzo/GB con la versione da 128GB con un costo di 0,35€/GB al momento della battitura e la 64GB con un costo di 0,41€/GB. La versione da 256GB ad oggi la trovo ancora troppo sovraprezzata, con un costo di 0,55€/GB o 141€.

best sd switch 1280x5003

Performance

Se volete invece prendere schede più performanti, il mio consiglio ricade sulla serie Extreme Plus della Sandisk. Sono schede con performance in lettura sequenziale vicine al 100MB/s. Si pagano però. Il costo della scheda da 128GB è 0,82€/GB, più del doppio del corrispettivo di Samsung. La loro serie Ultra  è meno performance, ma più conveniente. Hanno un taglio da 200GB che ho spesso visto in offerta sugli 80€ o 0,39€/GB.

best sd switch 1280x5002

Poi ovviamente poteste lanciare gli occhi su schede di dubbiosa provenienza, come fantomatiche schede da 500GB a soli 50€. Per esperienza so che è meglio lasciare stare prodotti i cui prezzi sono così diversi dalla norma. Rimanete sulla Lexar, PNY, Verbatim, Kingston e Trascend oltre alle già citate Samsung e Sandisk. Al momento la scelta più saggia per il portafoglio ed allo stesso tempo più lungimirante, sembra sia quella di cercare una scheda da 128GB se si intende di comprare molto in digitale.

best sd switch 1280x500

Cosa comprare?

Le schede da 200GB in poi le trovo ancora proibitive in termini di spesa, salvo offerte speciali ovviamente.Vista la natura di Switch con le sue cartucce e con giochi relativamente piccoli rispetto alla concorrenza, se non avete in mente di passare subito al digitale spinto, l’acquisto di una scheda SD è qualcosa che ritengo facilmente rimandabile al futuro, ma tenete conto che attualmente Switch non permette di spostare i salvataggi da console a scheda SD. Questo vuol dire che se (toccate ferro o altre) doveste incorrere in un guasto nella console, attualmente non essendo previsto il download dei save state tramite cloud (come per i giochi Nintendo su mobile), correte il rischio di perdere i salvataggi una volta cambiata la console. Questo può essere evitabile inserendo la microSD fin da subito: così facendo Switch salverà tutto (salvataggi, giochi, dlc, etc…) direttamente sulla microSD. Quindi è assolutamente consigliabile inserire una microSD il prima possibile su Switch. Se si usa poco il digital delivery, e non si ha l’esigenza di comprare giochi da eShop vi consiglio di risparmiare puntando ai tagli di 64 Gb o 128 Gb.