The Legend of Zelda: Breath of the Wild, Nintendo ha realizzato il sogno di un giovane game designer

The Legend of Zelda: Breath of the Wild data di uscita The Legend of Zelda: Breath of the Wild digital foundry frame rate gameplay 86 minuti direct feed The Legend of Zelda: Breath of the Wild moneta commemorativa Eiji Aonuma Miyamoto The Legend of Zelda: Breath of the Wild Eiji Aonuma Nintendo Minute Eiji Aonuma The Legend of Zelda: Breath of the Wild scudo Skyrim The Witcher Master Sword 2 milioni di copie profitti costi rune video gameplay abilità combattimento paravela Famitsu pubblicità rétro GAME Nintendo Wii U The Game Awards 2016 Geoff Keighley video buone feste immagine del giorno 21 dicembre 2016 26 dicembre 2016 immagine del giorno 28 dicembre 2016 Linebeck doppiaggio italiano Wii U
Tra i credits di The Legend of Zelda: Breath of the Wild possiamo notare il nome di un ragazzo non giapponese, la sua storia è più curiosa di quanto sembri.

Condividi l'articolo

Giocare a The Legend of Zelda: Breath of the Wild è un’esperienza stupenda, che nessuno dovrebbe lasciarsi sfuggire e realizzarla, nei limiti del possibile, è relativamente semplice, basta avere un Wii U o un Nintendo Switch e relativo gioco. Ben più difficile è far parte del team di sviluppo di un titolo del genere, ma ciò che è successo ad un ragazzo, Corey Bunnell, è davvero stupendo.

Come riportato su Reddit, infatti, è stato notato che tra tutti i nomi giapponesi degli sviluppatori dell’ultima avventura di Link (nomi di altre nazioni del mondo li troviamo solo all’interno dei team di localizzazione), c’è in realtà anche quello di un ragazzo che, insieme a Shogo Kihara, ha avuto il ruolo di “wildlife programming“, ovvero coloro che si sono dedicati a dar vita a tutta la natura che troviamo in Breath of the Wild.

the legend of zelda: breath of the wild

Un lavoro niente male visto il risultato e, seppur questo sia l’unico nome non giapponese tra i tanti, la questione potrebbe anche non sembrare così curiosa; il bello inizia quando, andando a spulciare tra alcuni post datati 2007 di un sito (translatorcafe), si scopre che questo Corey Bunnel aveva raccontato il suo desiderio, dichiarando che aveva appena finito il liceo e l’intenzione di andare all’università, non avendo però ancora le idee chiare. Dopo aver vissuto cinque mesi in Giappone, il suo sogno era diventato quello di stabilirsi lì e, da amante di Nintendo e del game design, magari un giorno lavorare proprio per la compagnia giapponese.

Il resto viene da sè: non sappiamo come si siano svolte le cose, ma è stupendo vedere come, dieci anni dopo, si scopra che il sogno di quel ragazzo alla fine si è realizzato, partecipando allo sviluppo di uno dei titoli più belli della storia videoludica, The Legend of Zelda: Breath of the Wild. Una storia stupenda per Corey Bunnel, che può essere da lezione a tutti: mai abbandonare i propri sogni.

Potrebbero interessarti