Steve Mayles, character artist di Yooka-Laylee, spiega perché secondo lui i platform 3D sono scomparsi negli ultimi anni

Yooka-Laylee platform 3D
GodIsAGeek ha intervistato Steve Mayles, character artist del platform 3D Yooka-Laylee e si è parlato anche della scomparsa del genere negli anni passati.

Condividi l'articolo

Il sito GodIsAGeek ha intervistato Steve Mayles, character artist di Yooka-Laylee, platform 3D sviluppato da Playtonic Games. Una domanda in particolare ha portato Steve ad esaminare l’attuale presenza sul mercato di titoli del genere

GG: Possiamo notare un ritorno del genere, con [titoli come] A Hat In Time, Crash Bandicoot Remastered e Yooka-Laylee. Perché pensi che questo genere di gioco si sia perso?

SM: Penso che il mercato si sia saturato, sul finire degli anni 90, con roba in 3D. Da quando si è stati in grado di sviluppare cose in 3D, un sacco di gente ha creato questa specie di platform open world free-roaming. Ce n’erano un sacco in giro. Penso che la gente si sia un po’ stufata. E anche con le nuove tecnologie, i nuovi hardware che permettono una grafica migliore, le persone erano ansiose di mostrare – gli sviluppatori erano ansiosi di mostrare – un prodotto più realistico che in realtà non rientra nel mondo cartoonesco del platform 3D. Per noi, l’assenza ha reso il cuore più tenero. Se avessimo provato [a sviluppare Yooka-Laylee] dieci anni fa, non avremmo avuto una risposta ma questa lunga assenza ha portato la gente a disperarsi per un nuovo platform 3D.

Potrebbero interessarti