News

Borderlands 3 non arriverà su Nintendo Switch, ecco le parole di Randy Pitchford

Game

Randy Pitchford, co-fondatore di Gearbox Software, ha rivelato che il prossimo episodio di Borderlands non arriverà su Nintendo Switch.

Randy Pitchford, co-fondatore di Gearbox Software, ha rivelato che il prossimo episodio di Borderlands non arriverà su Nintendo Switch.

Nintendo Switch Borderlands Randy Pitchford
Gennaio 17, 2017

Rispondendo ad una domanda su Twitter, Randy Pitchford, co-fondatore di Gearbox Software, ha rivelato che il prossimo titolo della serie Borderlands non arriverà su Nintendo Switch.

Queste le sue parole:

“Non penso succederà. Ne stavamo parlando con Nintendo ma per motivi che non conosco hanno interrotto bruscamente qualsiasi comunicazione. Avranno altre priorità.”

Ricordiamo che il nuovo episodio di Borderlands è attualmente in fase di sviluppo anche se Gearbox non ha ancora rivelato dettagli riguardo la natura del gioco, che potrebbe essere svelato ufficialmente nel corso del 2017. In attesa di ulteriori informazioni in merito, continuate a seguirci, vi aggiorneremo quanto prima possibile sulla questione.

Fonte: Twitter,

22 thoughts on “Borderlands 3 non arriverà su Nintendo Switch, ecco le parole di Randy Pitchford

    1. Ultimamente gearbox non ha fatto una cazzata/floppata dopo l’altra?
      Non vorrei che la discussione si sia bloccata quando gearbox ha chiesto del grano.

      1. Si, ultimamente non sta facendo molto.
        Gli è andata bene con i remaster e la pubblicazione del nuovo Homeworld, ma non l’han mica sviluppato loro, ma per il resto meh. Però borderlands c’è il rischio che gli esca ancora bene.

          1. C’è pure tipo il fucile a pompa che invece di ricaricare lo lancia contro il nemico ed esplode, mentre magicamente te ne comprare uno nuovo tra le mani.

          2. Tutta la linea Tediore funziona così.
            Le migliori erano le armi speciali tediore che avevano effetti strani. Tipo un fucile a pompa che ti fa homing addosso e continua a sparare al nemico dopo averlo lanciato, una mistragliatrice che rimbalza sparando a 360 gradi prima di esplodere….

  1. Borderlands è carino per carità ma pagare la GOTY con le DLC più di 7€ è abbastanza furto, per quanto solo con il primo capitolo e giocandolo a fps osceni mi sono fatto tipo 160h di gioco (tra l’altro il due mi sembra uguale con qualche texeture in più).

    Già che è un FPS io sono contro il controller, ma seppur come grafica/requisiti calzerebbe a pennello con Switch non penso sia un gioco adatto alla console, anche perché già le IP nintendo sono “di nicchia” ci manca solo che ci becchiamo pure le terze parti di “nicchia”.

    1. il 2 è totalmente diverso. Hanno cambiato non solo le classi, che sono più attive, con skill più interessanti e che portano davvero ad un approccio alla battaglia diverso, hanno reso uniche molte armi introducendo vere diversità per le case produttrici…. Poi la storia ed i personaggi, un passo avanti non da poco con Anthony Burch alla scrittura.

      E borderlands ha venduto abbastanza da non essere di “nicchia”. Borderlands 2 ha superato da solo 12 milioni di copie.

      1. Y, ci sto giocando da quando ho cambiato GPU c’è stato solo un miglioramento del gameplay più o meno (ci sono alcune cose che non approvo tantissimo anche se sono fighe), anche se non ho capito le chiavi che ogni tanto la Gearbox regala a cosa servano.

        Però a livello di grafica rispetto il predecessore non ho trovato tutta questa differenza nonostante possa permettermi di giocarlo a dettagli massimi adesso. Se devono portare il terzo tanto vale fare una edizione deluxe con 1+2+1.5+3 e non si noterebbe neanche il distacco grafico tra i titoli.

        Più che altro nonostante le vendite alte ha una grafica abbastanza cartoon/disegnata che non si distacca troppo dai titoli Nintendo, da quel punto di vista è un bene perché si sposa con il resto ma i giochi più “comprati” hanno texeture più realistiche quindi penso che servano più giochi di quel tipo per attirare più clienti.

        1. le chiavi le usi ne lmenù per sbloccare chiavi per aprire una cassaforte a sanctuary che ti da armi ad alta rarità in base al tuo livello. Mai avuto necessità di usarle devo essere sincero.

          Lo stile è rimasto quello, graficamente più che altro c’è varietà. Il primo era 100% deserto. Qua ci sono i ghiacci, il deserto, le grotte con acido, città futuristiche di 2-3 stili diversi, wild west…. di tutto di più. Con le DLC poi ancora meglio per varietà di ambienti.

          1. Oh, ecco a che servono LOL.
            Eh, io il primo l’ho giocato direttamente con le DLC quindi oltre ad avere il deserto avevo altre location, però alla fine non ha senso portare solo il 3 per com’è messo il gioco si potrebbero portare tutti direttamente, il problema è appunto che ha un pubblico particolare quindi rischia di rimanere sullo scaffale…

          2. In quel caso però visto che si trattava di esclusiva 360 hanno messo il primo capitolo in bundle con il secondo.

            Non avevo mai pensato a Bayonetta ad un gioco così di Nicchia dal momento che associavo tette = soldi.

          3. I giochi Platinum sono in generale tutti di nicchia.
            Bayonetta tra l’1 ed il 2 avrà venduto forse 2-3 milioni.
            Borderlands come saga ha venduto 26 milioni.

            Fai tu i conti. Ah e Bayonetta 1 era PS3 e 360.

          4. Una grande sconfitta per la squadra delle tette. L’ideale forse è fare come hanno fatto con Uncharted su PS4, vendi il 3 Liscio e 1-1.5-2 insieme. l’unica pecca è che si godrà meno dell’online per i vecchi titoli visto che non ci giocherà quasi nessuno. Però anche come funziona Borderlands in gruppo ci starebbe bene su Switch… soprattutto con la possibilità di giocare in locale su console diverse

      1. E’ quello che hanno detto, ma potrebbe non essere vero.
        Del resto sono 4 anni che ci continuano a dire che gli sviluppatori non sviluppano su WiiU perchè non è abbastanza performante, ma anche questo potrebbe non essere vero.
        Sono solo dichiarazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *