haptic feedback nintendo brevetto Nintendo Switch

Speciali

La finestra di lancio di Nintendo Switch: che giochi ci aspettano? – Speciale

Scritto da

Pubblicato il
16 Gennaio 2017

Dopo mesi e mesi l’attesa è dunque (quasi) finita. Il debutto worldwide di Nintendo Switch è distante un mese e mezzo circa ma finalmente sappiamo quali titoli accompagneranno i primi mesi di vita, e dunque la finestra di lancio, della console: alcuni annunciati, altri attesi, altri ancora hanno rappresentato una vera e propria sorpresa. Diamo allora un rapido sguardo ai software più interessanti su cui non vediamo l’ora di mettere le mani!

Arms (Nintendo EPD) – Livello di hype: 6

Uno dei pochi giochi presentati sfuggiti alla maggior parte dei leak si merita solo una sufficienza risicata sulla scala dell’hype. Titolo molto Wii-style, si avvale dei giroscopi dei Joycon per mettere in scena dei match simil-pugilato. La precisione dei movimenti e delle schivate pare molto buona e sarà presumibilmente un titolo incentrato sull’online: possibile che si tratti dell’erede di quel fantomatico Project Robot di Miyamoto che non ha mai visto la luce su Wii U? Lo stile pare allegro e scanzonato e l’idea simpatica, da valutare l’ampiezza del roster lottatori, le modalità di gioco e la solidità dell’online: il pericolo è che si tratti del classico titolo che rischia di stufare veramente troppo in fretta e il fatto che sia venduto a prezzo pieno non aiuta affatto (ma lascia presuppore una quantità di contenuti che la giustifichi anche ndDiego).

Fire Emblem Warriors (Omega Force/Team Ninja) – Livello di hype: 7,5

Dopo l’azzeccato esperimento con il Sancta Sanctorum di Nintendo, ovvero l’universo Zeldiano, Nintendo e Koei ci riprovano con il brand di Fire Emblem, le cui caratteristiche, sulla carta, paiono sposarsi perfettamente con un gameplay stile musou. Un cast numeroso e variegato, armi e poteri magici a volontà e frotte di nemici da falciare senza pietà alcuna sono elementi perfetti in cui calare il setting di una dell’iconica serie strategica targata Intelligent Systems. Se la realizzazione sarà curata come nel caso di Hyrule Warriors (di cui penso proprio che non tarderemo a vedere un sequel), il “rischio” è quello di trovarsi tra le mani un altro titolo che porterà via centinaia di ore di gioco a molti giocatori.

https://www.youtube.com/watch?v=POsTR5iy_TI

Xenoblade Chronicles 2 (Monolith Soft) – Livello di hype: 8

Forse la più grande sorpresa della presentazione perché in pochi si sarebbero aspettato un sequel per il gargantuesco JRPG per Nintendo Wii di Monolith Software. I lavori di Xenoblade Chronicles X non sono terminati da molto tempo (fine 2015) e un debutto di questo secondo capitolo nel 2017 appare improbabile, a meno che lo sviluppo dei due titoli sopracitati non sia incominciato in parallelo. In ogni caso non si può che essere felici della prospettiva di immergersi nuovamente in un mondo di gioco immenso, in compagnia di una trama profonda e coinvolgente e di personaggi memorabili. Speriamo di avere presto qualche dettaglio in più.

Super Mario Odyssey (Nintendo EPD) – Livello di hype: 10–> 

Che un cambiamento di rotta rispetto a 3D World e Galaxy fosse nell’aria era chiaro (e probabilmente anche necessario), ma il (purtroppo breve) trailer di Super Mario Odyssey ha lasciato tutti veramente a bocca aperta: un tripudio di colori, di ambientazioni, di nemici nuovi e meccaniche inedite (il cappello senziente???!!!) il tutto calato in un sandbox che promette faville. Vedere Mario saltellare tra i grattacieli di una città “reale” lascia straniti (peccato per gli abitanti zombie e alti il doppio di Mario – in fin dei conti è umano pure lui, no? [no. ndDiego] ), ma è solo una delle tante novità che Odyssey promette. Probabilmente questo sarebbe stato un gioco più adatto di Zelda per trascinare il debutto della console, ma è anche vero che giocare a Mario sotto l’albero di Natale è il miglior regalo che Switch potrà farci. Hype alle stelle!!!

Splatoon 2 (Nintendo EPD) – Livello di hype: 7

Il successo, per certi versi inaspettato, di Splatoon su Nintendo Wii U ha convinto Nintendo a riproporre il brand su Switch. A sorpresa, però, non si tratta di una remastered, ma di un vero e proprio sequel. Da quel poco che si è visto questo Splatoon 2 non sembra differire molto dal primo capitolo, il che potrebbe anche essere un bene, ma essendo un titolo prettamente votato al multiplayer ci sarà da verificare i costi e le reali performance della struttura online di Switch. Da verificare anche quante e quali novità verranno inserite per rendere il gioco appetibile anche a chi ha già macinato ore ed ore sul suo predecessore, titolo già di suo comunque parecchio ricco di contenuti.

The Legend of Zelda: Breath of the Wild (Nintendo EPD) – Livello di hype: 9+

Nonostante quest’ultima iterazione di uno dei brandi più iconici di Nintendo si stia facendo attendere con un ritardo che a questo punto si aggira, misurando a spanne, sui due anni, ancora poco si sa della nuova epopea di Link. Certo è che il trailer, dal taglio molto spettacolare e cinematografico, trasmesso in occasione della presentazione di Nintendo Switch ha solluccherato come non mai gli animi di tutti i nintendari: la trama e l’atmosfera generale appaiono maturi e intriganti, il doppiaggio (auspicando che Link resti silenzioso come da tradizione) dà quel tocco in più alla drammaticità dell’azione, gli scenari irrompono sullo schermo in tutta la loro maestosità. Perché l’hype è solo a livello 9 dunque? Perché non ne possiamo veramente più di quest’attesa infinita e ne siamo sfiancati: dai Link, non farti aspettare ancora!

Mario Kart 8 Deluxe (Nintendo EPD) – Livello di hype: 6+

Altro gioco che era stato abbondantemente leakato e atteso al varco, ma fa un po’ specie non vederlo disponibile già al debutto della console (in fin dei conti si tratta di una remastered di un gioco parecchio recente). L’unico aspetto da valutare realmente è capire quante e quali aggiunte sono state apportate. Se sotto l’aspetto dei contenuti, ipotizzando che questa versione includa tutti i DLC disponibili per la versione Wii U, è sicuramente uno dei capitoli più ricchi, per quanto riguarda la struttura di gioco ci sarebbe davvero bisogno di una svecchiata, ad esempio inserendo le missioni e cambiando la vetusta struttura a tre cilindrate per ogni coppa. Offerta sicuramente interessante per chi non l’avesse giocato su Wii U, ma per tutti gli altri le motivazioni all’acquisto calano in maniera piuttosto drastica.

1-2 Switch (Nintendo EPD) – Livello di hype: 4

Qui arrivano le prime note veramente dolenti. Aver aperto la carrellata di titoli proprio con 1-2 Switch è stata una mossa azzardata, che ci ha fatto fare un anacronistico salto indietro nel tempo fino ai tempi della presentazione del Wii. Ma si trattava di un’altra epoca e soprattutto di un’altra console. Se per il Wii un titolo che evidenziasse le possibilità del motion control era doveroso (in fin dei conti era la gimmick principale della console), per Switch la cosa pare alquanto superflua. Sebbene si sia visto molto poco, e con pochi dubbi riguardo al fatto che la raccolta di minigiochi sarà simpatica e divertente, viene da dire che un software del genere poteva avere un suo senso se messo in bundle, potrebbe ancora averne se venduto a prezzo budget (tipo 19,90), ma a un prezzo più altro faccio francamente fatica a immaginare a che pubblico si possa rivolgere.

Super Bomberman R (Konami Digital Entertainment/HexaDrive) – Livello di hype: 7

Il fattore nostalgia qui la fa da padrone. A sorpresa Konami pesca a piene mani negli anni ’90 e ripropone una versione riveduta e corretta delle avventure del nostro bombarolo antropomorfo preferito. L’accento sul multiplayer fino a otto giocatori non deve però mettere in ombra la campagna in single player che offrirà un buon numero di livelli, auspicabilmente ben strutturati e ampi abbastanza da consentire un gameplay vario e divertente. Dopo Breath of the Wild probabilmente il titolo di lancio più interessante.

Tutto qui? Ovviamente no. Sebbene i primi mesi dal debutto sul mercato non si presentino particolarmente affastellati di software, ci sono una serie di altri titoli quali Snipperclips, Just Dance, Steep e Sonic Mania che andranno a rimpolpare i periodi più scarichi di uscite.

Mancano poi anche all’appello una serie di titoli che già sappiamo essere, idealmente, in fasi avanzate dello sviluppo: parliamo di giochi come Rabbids Kingdom Battle, Pikmin 4 e  il misterioso progetto dei Retro Studios.

In questa sede abbiamo però preferito concentrarci sui titoli first party, con la sola eccezione di Snipperclips. Speriamo di poter aggiornarvi al più presto con maggiori dettagli sui titoli già presi in esame e sui titoli soltanto accennati o ancora non annunciati. Continuate a seguirci quindi!

832 PHP files were required to generate this page.