Nintendo Switch, spiegate le ragioni della scelta del nome

Nintendo Switch Phil Spencer Aaron Greenberg
Nintendo Switch ha un nome che a tutti è parso subito chiaro. Nintendo ci spiega che invece vi è molto di più dietro la scelta del nome.

Condividi l'articolo

Durante il video di presentazione di Nintendo Switch a tutti è parso chiaro il motivo per cui la società di Kyoto abbia scelto un nome simile. L’animazione del logo poi chiariva ogni dubbio: Switch è un chiaro riferimento alla possibilità di rimuovere i due Joy-Con per poter utilizzarli come due pad separati, o per inserirli all’interno di altri supporti, una su tutti l’impugnatura che permette di avere tra le mani un vero e proprio gamepad classico, e la peculiarità di essere utilizzato sia come console fissa, che come portatile.
Stando ad alcuni dichiarazioni rilasciate ad una rivista giapponese, Nintendo Dream, sembrerebbere che vi siano anche altre ragioni per le quali si è scelto di puntare su tale nome per Nintendo Switch. L’azienda capitanata da Tatsumi Kimishima vuole far passare il messaggio che il modo in cui le persone si affacciano ai videogiochi possa cambiare una volta provata la console, come se si schiacciasse semplicemente un interruttore (dall’inglese “switch”).

“Abbiamo deciso che questo nome sarebbe la scelta migliore per il nostro prodotto per due ragioni. Rappresenta una delle caratteristiche del concetto stesso di Switch, ovvero la capacità di passare dallo schermo portatile alla TV senza dover smettere di giocare, e incarna anche l’idea di essere un ‘interruttore’ in grado di cambiare l’esperienza di intrattanimento nella vita quotidiana delle persone.”

Nintendo sembra voler puntare molto sull’idea di Switch come console profondamente differente dalle altre concorrenti, cambiando addirittura la maniera stessa con cui i giocatori si aprocciano al loro passatempo preferito.

Potrebbero interessarti