News

Eiji Aonuma e il doppiaggio di Zelda: Tri Force Heroes

Game

Il doppiaggio di Zelda è una questione cruciale per la fan-base ed Eiji Aonuma, producer della saga, si è espresso diverse volte al riguardo. Se la possibilità di sentire i dialoghi doppiati nel gioco ci […]

Il doppiaggio di Zelda è una questione cruciale per la fan-base ed Eiji Aonuma, producer della saga, si è espresso diverse volte al riguardo. Se la possibilità di sentire i dialoghi doppiati nel gioco ci […]

Dicembre 23, 2015

Il doppiaggio di Zelda è una questione cruciale per la fan-base ed Eiji Aonuma, producer della saga, si è espresso diverse volte al riguardo. Se la possibilità di sentire i dialoghi doppiati nel gioco ci viene ancora reclusa, diversamente accade nei trailer pubblicitari, tanto che nel trailer americano esteso la voce narrante è quello della Principessa Styla, Fronzolina nella versione italiana. Interrogato da Game Informer al riguardo Eiji Aonuma ha specificato:

Nintendo Japan non ha nulla a che vedere con la divisione marketing di NOA. Non abbiamo avuto nessun influenza, né coinvolgimento, per quel trailer. Ricordo però di aver avuto una discussione riguardante il trailer giapponese, nel quale la voce narrante è quella del Re Tuft [Boccolone in Italia ndr]. Ho chiesto: “perché il re non può parlare anche nel trailer americano?” e la gente con cui stavamo parlando ha risposto “No, no, pensiamo proprio che la principessa sia più adatta a questo” quindi ho detto “Va bene, se insistete, procedete pure”

Una cosa è certa, siamo fortunatamente distanti dai tempi del rap della pubblicità americana di The Legend of Zelda: A Link to The Past.

Fonte: Game Informer,

5 thoughts on “Eiji Aonuma e il doppiaggio di Zelda: Tri Force Heroes

  1. “Una cosa è certa, siamo fortunatamente distanti dai tempi del rap della
    pubblicità americana di The Legend of Zelda: A Link to The Past.”

    Grazie a Dio direi!!!

    1. La pubblicità col tizio che rappa era di link’s awakening e poi non è nulla e ripeto nulla in confronto allo spot giapponese con canto e ballo del primo zelda per NES , quello è inarrivabile

  2. Secondo me un buon compromesso è fare come hanno fatto con Midna: tanti versi senza senso che fingono una lingua sconosciuta. In questo modo quando i personaggi muovono le labbra si sente il suono come se stessero parlando per esempio in norvegese, e quella sensazione di incompletezza da film muto non la proveremmo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *