Speskullations

SpeSkullations #14 – Michael Pachter… enough said

Game

Cos’altro non è stato detto su Michael Pachter? Controverso analista con un JD, un L.L. M. e un MBA, è piuttosto conosciuto nell’industria videoludica per le sue opinioni decise, sa davvero il fatto suo e […]

Cos’altro non è stato detto su Michael Pachter? Controverso analista con un JD, un L.L. M. e un MBA, è piuttosto conosciuto nell’industria videoludica per le sue opinioni decise, sa davvero il fatto suo e […]

Gennaio 29, 2015

Cos’altro non è stato detto su Michael Pachter? Controverso analista con un JD, un L.L. M. e un MBA, è piuttosto conosciuto nell’industria videoludica per le sue opinioni decise, sa davvero il fatto suo e se non lo credi, continua a leggere perché c’è qualcosa per te.

Ho avuto l’opportunità di intervistarlo riguardo Nintendo e la sua strategia, da una prospettiva di marketing, poiché è QUESTO che davvero fa.

1) Hai avuto modo di vedere i Nintendo Direct? Che ne pensi?

“I Nintendo Direct sono un buon modo per annunciare giochi e mostrare video gameplay, e credo che i consumatori amino molto vedere Iwata e Miyamoto che presentano nuovi prodotti. Penso che sia uno strumento praticamente inutile per gli investitori, dunque in genere non li guardo in diretta.”

2) Da una prospettiva marketing pensi sia una decisione prudente rilasciare il New Nintendo 3DS assieme a due grandi titoli come Majora’s Mask e Monster Hunter nello stesso giorno? Non saturerà il mercato con tutti questi contenuti limitati?

“Non credo che Nintendo possa sbagliare lanciando un hardware con grande software. Ad ogni modo, dovrebbero sempre supportare i lanci di hardware con nuovo software nello stesso giorno.”

Michael-Pachter-03-nintendon-mini

3) Che ne pesi della decisione di rilasciare solo la versione XL del New 3DS nel mercato degli USA? Dietro questa decisione c’è un problema di supply chain riguardante il numero di console che possono fare, o il mercato USA è interessato solo alla versione XL della console?

“Non capisco la decisione di rilasciare solo l’XL negli USA, non credo sia un problema di fornitura, e non so se gli americani si preoccupano di XL vs. normale, ma Nintendo ha un marketing piuttosto buono negli USA, e probabilmente hanno un criterio per le loro decisioni.”

4) Mr. Iwata ha detto che avrebbe aperto la visione di Nintendo sul mercato, con merchandise e esperimenti con le loro IP, dopo aver visto il successo degli amiibo e l’uso delle skin, costumi in vari progetti, credi che Nintendo stia finalmente usando le sue forti mascotte?

“Nintendo ha delle grandi IP, e sta prendendo le giuste decisioni perseguendo le opportunità di licenza. Credo che possano fare molto di più di quel che han fatto in passato, includendo un’apertura verso pigiami e costumi. Credo che vedremo molto di più andando avanti, e migliorerà sia la loro posizione finanziaria che la forza dei loro brand.”

Michael-Pachter-02-nintendon-mini

5) Giochi come Puzzle & Dragons Super Mario Bros. Edition possono rappresentare una buona mossa di Nintendo? Non credi che Nintendo sia in ritardo sui contenuti “mobile”?

“Nintendo è davvero in ritardo sul business dei giochi mobile, e dovrebbe firmare più accordi possibili con grandi brand come Puzzle & Dragons.”

6) Cosa è accaduto nell’era Wii e il Wii HD?

“Il Wii U è il Wii HD, ma è uscito due anni più tardi per aiutarli. L’inclusione del GamePad è stata uno sbaglio, poiché non è intuitivo per i consumatori, e non aggiunge molto all’esperienza di gioco. Avrebbero potuto essere più astuti e migliorare la scatola in HD e tenere i vecchi controller Wiimote.”

Michael-Pachter-01-nintendon-mini

7) A volte succede di venire a conoscenza di qualcosa riguardo futuri giochi/progetti ma non poterne parlare, a volte succede di avere l’opportunità di svelare cosa si sa essere in lavorazione ma settimana dopo settimana dietro le quinte tutto cambia, dunque: quanto è difficile costruirsi una credibilità nell’industria?

“Curiosa domanda sulla credibilità. Ho solo due gruppi di persone a cui render conto: Compagnie e investitori. Fino a che entrambi rispettano il mio lavoro, proseguirò bene. A nessun investitore interessa se io dico che un gioco vincerà il premio come gioco dell’anno, e a nessuna compagnia interessa se io parlo di uno degli altri della concorrenza. L’unica cosa di cui si cura qualsiasi investitore è se le mie stime di rendimento sono vicine alla realtà (e lo sono), e l’unica cosa di cui qualsiasi compagnia DOVREBBE interessarsi è se gli investitori mi ascoltano (e lo fanno). Non mi interessa se dei 13enni in Italia pensano che io non sappia cosa stia facendo, e puoi dirgli che ho detto “fatti gli affari tuoi”.”

19 thoughts on “SpeSkullations #14 – Michael Pachter… enough said

  1. Domani chiamalo e mostragli il suo personale angolino delle patcherate xD
    Comunque, capisco il discorso investitori/tredicenni, ma non sono i tredicenni e la massa che compra i titoli N? |:

  2. Sinceramente seguo Patcher con piacere. A molti interessano solo le sue frasi controverse ma spesso offre una visione particolare!

  3. Mmmmm é una buona intervista. Parliamo dei pigiami. Potrei trasvestirmi da mario quando vado a letto in effetti. Molto erotico.

    1. Come brand generico. Come la roba con sopra i pupazzetti disney. è un modo per buttarsi in mezzo a territori sempre più consumer senza intaccare il lato videogame.

      1. Ma per esempio in uk non c’è già questo tipo di store di Nintendo? E se non sto sparando una cazzata quindi già lì in uk vendono questa roba..

  4. Uh spocchiosetto l’amico Patcher eh? Dobbiamo tirare fuori dal cassetto tutte le previsioni sballate che ha fatto? 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *