Game Freak: “I remake di Rubino e Zaffiro espandono il mondo originale”

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Due delle uscite più importanti di questo mese sono sicuramente Pokémon Omega Rubino ed Alfa Zaffiro, remake dei titoli usciti nel 2003 per Game Boy Advance.
Shigeru Ohmori, direttore di questi due nuovi giochi e che ha iniziato a lavorare in Game Freak dall’uscita dei titoli originali,  ci racconta quante cose siano cambiati in questi 12 anni:

Ohmori: “Quando ho iniziato a lavorare per Game Freak, Rubino e Zaffiro erano il mio primo progetto, perciò era normale che molte mie idee fossero state scartate nel gioco finale – molte delle quali sulla storia, per esempio, che speravo di approfondire maggiormente. Alla fine, conservando tutte quelle idee, ho avuto la possibilità di implementarle ed approfondirle ulteriormente, 12 anni dopo l’inizio di tutto.”

Ohmori e Masuda continuano l’intervista spendendo delle parole sul mondo di questo Remake, nonché uno dei preferiti dai fan, Hoenn:

Ohmori: “Uno dei principali traguardi, uno dei temi più importanti che avevo in mente quando ho iniziato a lavorare a Rubino e Zaffiro era legata al fatto che per la prima volta il mondo dei Pokémon entrava nell’universo totalmente a colori.
Il modo in cui sono state usate le diverse tonalità di colore per creare questo feeling naturalistico mi ha veramente impressionato, e l’ho voluto trasporre in Pokemon Omega Rubino ed Alfa Zaffiro, facendo attenzione a come usare il colore, ricreando le sensazioni generate dal titolo originale.”

Masuda:  ” Kanto e Johto prendevano come ispirazione Tokyo, Kyoto ed Osaka, grandi città giapponesi con persone che vivono la vita della grande metropoli. Con la regione di Hoenn volevo creare una sensazione di natura predominante, con molte montagne e foreste. Nella mia infanzia i miei nonni vivevano a Kyushu e quando li andavo a trovare andavo sempre a caccia di insetti, giocavo nel fiume o andavo a pesca, così ho voluto portare questa sensazione di immersione nella natura in questi giochi.”

Utilizzando l’hardware del 3ds e grazie a questi accorgimenti sarà sicuramente più facile immergerci in questo mondo anche perché, come evidenziato dai trailer, si potranno vedere i pokémon nel loro habitat naturale.

Masuda: “Una delle cose che potete attualmente sentire in Pokémon Rubino e Zaffiro sono i versi dei pokémon mentre camminate in giro per l’ambiente, ma abbiamo voluto approfondire la cosa e ora, potete anche vedere i pokèmon nel loro ambiente naturale! Per esempio puoi vedere la loro silhouette o vedere un Pokémon che vola sopra la vostra testa – queste sono cose che abbiamo potuto inserire efficacemente nei remake”

Con l’ultima domanda, il giornalista di GamesTM è riuscito a svelare i pokémon preferiti dai due developer.

Masuda: “Ho molti Pokémon preferiti, è difficile scegliere! Recentemente, uno dei pokémon che mi ha colpito di più è stato la nuova evoluzione di Evee, Sylveon. Adoro anche la maggior parte dei pokémon carini. Il mio Pokémon preferito di Pokemon Rubino Omega e Zaffiro Alpha è sicuramente Primal Kyogre, è veramente figo!

Ohmori: “E’ difficile dire quale sia il mio Pokémon preferito, ma se dovessi scegliere tra quelli presenti nei giochi di Pokémon X e Y direi sicuramente Inkay. Ho ideato io il meccanismo della sua evoluzione, con la console 3DS da mettere a testa in giù.
Questo meccanica ha anche influenzato  il design del Pokémon in questione, rendendo la cosa memorabile.”

Condividete con noi i vostri pensieri riguardo i pareri di Masuda-san e Ohmori-san! E soprattutto, fateci sentire il vostro hype per questo gioco!

Potrebbero interessarti

No more posts to show