Shovel Knight – Recensione

cameo dati di vendita gioco amiibo shovel knight milione aggiornamento di shovel knight Sviluppatori di Shovel Knight su amiibo sequel Yacht Club Games

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Genere: Platform 2D
Multiplayer: –
Lingua/e: Inglese

ATTENZIONE: Questa recensione è spoiler-free, fatta eccezione per la galleria delle immagini.

“For the shovelry!” (cit. l’ardito cavaliere della pala)

Shovel Knight, sviluppato dal team indipendente con innesti di WayForward: Yacht Club Games, si propone come un canonico action-platformer in tutto e per tutto. Basato sulla formula di Mega Man 1-6/9/10 adotta un sistema di controllo molto semplice ma estremamente efficace.

Il gioco tratta la storia di due cavalieri, Shovel Knight e Shield Knight, che combattevano fianco a fianco: un giorno la seconda rimane imprigionata in una torre e sarà nostro compito capire se è ancora viva e sconfiggere il male personificato di turno.

Shovel-Knight-screens-nintendon (1)

Per quanto riguarda il sistema di controllo ci si muove come un normale platform, si salta e si attacca. I controlli sono molto responsivi, il personaggio è solido e atterra dove deve atterrare, lo scivolio è perfettamente bilanciato, anche su piattaforme speciali come quelle ghiacciate, in due parole: controllo assoluto.

In molti avran pensato che Shovel Knight adottasse dinamiche simili a Ducktales per via della pala, ma il “rimbalzo” funziona solo sui nemici e superfici distruttibili. Un tributo al titolo può essere la ricerca dei preziosi come rubini, smeraldi e similari che andranno a rimpinguare le nostre casse, pronti per esser spesi.

Un livello si struttura sostanzialmente a stanze rettangolari e svariati checkpoint disposti dopo mini-boss o sezioni più o meno ostiche. Ogni volta che si muore parte del denaro raccolto forma tre sacchetti, recuperabili la prima volta che si torna sul luogo del misfatto, e rimane lì grossomodo a portata. La percentuale di denaro tolta è di circa il 15%. Dunque non ci sono vite e il sistema di checkpoint funziona molto bene, risultando bilanciato adeguatamente secondo una scala di difficoltà abbastanza soddisfacente.

Shovel-Knight-screens-nintendon (33)

Per quanto concerne la difficoltà del gioco si può dire che è perfettamente coerente con la saga a cui fa riferimento: MegaMan, dove nessuno stage è più difficile degli altri e dove tutti presentano le loro ostiche sezioni. Infine i livelli conclusivi spiccano per maggiore concentrazione richiesta.

Il gioco presenta sostanzialmente una mappa, versione estesa del selection screen di MegaManiana memoria, in cui potremo avanzare a patto di sconfiggere piano piano i vari cavalieri. Sono presenti anche dei villaggi nei quali potremo migliorare il nostro equipaggiamento e le nostre statistiche, oltre a ricevere vari bonus come la colonna sonora.

L’accompagnamento musicale è di prim’ordine, decisamente ben composto, adeguato, permette al giocatore di prendere il ritmo e concentrarsi mantenendo il giusto grado di tensione. Piccola nota a margine: sono piuttosto ilari anche i dialoghi tra i vari personaggi del gioco.

Shovel-Knight-screens-nintendon (20)

L’armamentario di gioco non presenta grandi variazioni, e anzi si potrebbe dire che la sua presenza è quasi superflua, soprattutto per quanto concerne i miglioramenti di armatura e attacchi. Cercando di rimanere spoiler-free vi posso assicurare che gli upgrade non aggiungono  migliorie così determinanti e che la modalità principale è completabile in 7 ore circa con una percentuale di sbloccabili oltre l’80%. Giustificabile, come lo sarebbe un nuovo MegaMan, ma non lodevole.

Come avrete avuto modo di capire il gioco non presenta moltissimi stage, ad ampliare il numero di ore ci pensano delle piccole missioni secondarie e scontri con cavalieri erranti che animeranno la mappa di gioco e richiederanno l’uso di alcuni oggetti speciali.

In ogni stage, contrariamente a quanto accade in MegaMan, non prenderemo un potere dal relativo boss, ma dovremo trovare un oggetto speciale che ci faciliterà la vita in svariate sezioni, sebbene personalmente non li abbia usati molto nella modalità principale, fatta eccezione per la canna da pesca.

Shovel-Knight-screens-nintendon (13)

Le meccaniche di platform grazie alla pala funzionano molto bene e scoprire le zone segrete vale sempre la pena sia per soddisfazione personale che per la montagna di gioielli che troveremo. Le battaglie contro i boss sono ben caratterizzate, ma sono decisamente più semplici rispetto al design dei livelli: principalmente perché c’è un checkpoint subito prima di iniziare lo scontro e sul lungo periodo, per via della vita del protagonista che si amplierà come quella dei boss, il gioco tenderà a premiare strategie kamikaze contro i cavalieri.

Una volta finita la modalità principale si sblocca la second quest/partita più/hard mode, che consiste nella riproposizione del gioco, senza la possibilità di trovare cibo in giro – e dunque recuperare salute – con meno checkpoint e con maggiori danni subiti. È in questa modalità che mi sono stati utili gli oggetti speciali, o sottoarmi, ed è qui che il gioco da il meglio di sé per quanto mi riguarda. Sì la modalità è difficile, ma la sfida, la soddisfazione, la concentrazione richiesta per affrontare il trial & error non fa rimpiangere rinomati esponenti del genere blasonati e premiati.

Shovel-Knight-screens-nintendon (17)
Ciao sono Simon Belmont….

Dal punto di vista tecnico il gioco propone uno stile 8-bit misto a 16-bit, con una pixel art mista, che ben si adatta nella maggioranza delle occasioni, ma ci domandiamo il perché si sia scelto uno stile più scarno in alcune sezioni. Purtroppo i livelli di parallasse sono davvero pochi, ma compensano le animazioni e la fluidità del gioco, davvero ben fatte.

In conclusione Shovel Knight è un gioco scorrevole, con vari tributi a Ducktales, Castlevania, ma soprattutto è un grande omaggio a MegaMan, se non una sorta di seguito (o prequel visto il tono medioevaleggiante?). Tutto funziona a dovere, il gioco diverte, mette alla prova, strappa sorrisi e impegna davvero, ciò che manca è il salto di qualità, quel qualcosa che ti faccia davvero rimanere pienamente soddisfatto. Su alcuni aspetti non c’è stata la giusta cura per dare quel qualcosa in più: sostanzialmente Shovel Knight non si inventa nulla, ma fa tutto come deve esser fatto.

8.2

Potrebbero interessarti

Recensioni

Circle of Sumo – Recensione

Yonder porta lo sport del sumo su Nintendo Switch, ma in un modo totalmente diverso da come potevamo immaginarlo. Circle of Sumo è una festa multiplayer!

Speciali

Fantastico Studio – Milan Games Week 2018

È tutto Fantastico La Milan Gamesweek è stata come al solito un grande momento di incontro tra ogni tipo di giocatori. Le cose da vedere

Recensioni

All-Star Fruit Racing – Recensione

Fruttariani, fatevi avanti! Da qualche anno a questa parte l’Italia ha iniziato a compiere i suoi primi passi nel mondo dell’intrattenimento videoludico. Sembra che il

Speciali

La mie paure per Metroid Prime 4

Attendo il nuovo Metroid Prime 4 con tutto me stesso. Ma gli ultimi giochi Nintendo, stanno facendo vacillare il mio entusiasmo. Perché?

Recensioni

Hey! PIKMIN – Recensione

Hey tu! Sì, parlo a te col fiore in testa! Hey Joe è un pezzo della tradizione americana portato alla ribalta dalla celeberrima versione di

Recensioni

Kirby’s Blowout Blast – Recensione

Una palletta rosa tra le parole Nintendo e 3DS! Kirby si trova alla grande su Nintendo 3DS/2DS: quella che la sfera rosa di HAL Laboratory ha

Recensioni

I and Me – Recensione

Non un gatto, ma due. O è lo stesso? I and Me è un misto tra platform e puzzle game che più indie di così

Recensioni

Flip Wars – Recensione

Flippami e Switchami tutto! Nintendo Switch e multiplayer, un connubio perfetto fin dal primo video che ha presentato al mondo la console della casa giapponese

No more posts to show