Tomodachi Life – Recensione

Tomodachi Life 2 milioni

Condividi l'articolo

Genere: Simulazione di vita
Multiplayer: –
Lingua/e: Italiano

Parlare di Tomodachi Life è un compito estremamente facile, poiché il titolo presenta un’ampia varietà di elementi assurdi e divertenti da descrivere dettagliatamente, ma recensirlo è, al contempo, un’impresa ardua poiché possiede un concept molto particolare, che può appassionare profondamente ma può anche non interessare alcuni tipi di giocatori. A causa di questa ragione è stato deciso di lasciare la recensione senza voto, pur cercando di renderla più obiettiva e dettagliata possibile.

Andiamo ad esplorare tutto questo mondo!
Andiamo ad esplorare tutto questo mondo!

I Mii fanno parte ormai da anni della famiglia. Ci creiamo come Mii con grande attenzione ai dettagli, viviamo con loro momenti di gloria battendo amici a tennis, o ottenendo punti nel mondiale di Mario Kart utilizzando loro come nostro personaggio. Arriviamo perfino ad affezionarci a quella versione cartoonesca e adorabile di noi stessi, che saluta altri Mii incontrati via streetpass e saltella nella home del nostro Wii U.

Loro però non possono fare di più: non possiedono una personalità che raffigura la nostra, perciò sono una copia fedele di noi solo fino ad un certo punto. Io non ballerei mai con altre persone appena incontrate in un mondiale online di Mario Kart 8, però il mio Mii sì, essendo evidentemente ben più socievole di me.

Tomodachi Life, come il suo predecessore uscito solo in Giappone, è un titolo che ci consente di andare oltre, e donare al nostro alter-ego Nintendo un vero carattere, più simile possibile a quello del suo creatore.

Il metodo è estremamente facile ed intuitivo: importiamo il nostro Mii dal centro creazione, lo creiamo da zero sul momento  o fotografiamo un codice QR dalla rete, e decidiamo alcune sue caratteristiche peculiari, che Tomodachi Life tradurrà poi in una personalità ben definita.

Il centro di comando!
Il centro di comando!

Camminiamo lenti o veloci? Siamo gentili, diretti, calmi o con espressione intensa? Seri o allegri? E soprattutto, quanto vogliamo essere strambi?

Una volta selezionati questi elementi, in una scala da uno ad 8, ecco che compare il nostro carattere, che a volte è davvero incredibilmente somigliante all’originale, nonostante si basi su caratteristiche apparentemente poco precise o rilevanti.

Ecco, io sono così!
Ecco, io sono così!

Ce ne sono ben 16 disponibili, suddivisi in quattro grandi categorie: tipo tranquillo, tipo espansivo, tipo riservato e tipo deciso. Ognuna delle categorie presenta quattro sottogruppi, in cui il nostro personaggio andrà ad inserirsi.

Una volta deciso carattere, nome e voce del nostro Mii è ora di farlo entrare nel suo appartamento.

Come ogni abitante della nostra isola, anche noi occupiamo una stanza in un grande condominio, che crescerà all’aumentare dei condomini stessi che introduciamo nel gioco.

Possiamo decidere come decorarla tra un’infinità di stili diversi, come pure possiamo vestirci in maniera eccentrica o sobria, a seconda del nostro umore del giorno.

Non male come arredo eh? Ma chissà quanti insetti...
Non male come arredo eh? Ma chissà quanti insetti…

Sull’ìsola, infatti, ogni giorno i negozi espongono nuovi articoli, che siano cappelli con le piume, costumi da gatto o un piatto di paella.

Sobria ed elegante
Sobria ed elegante

Il nostro compito è dunque occuparci dei Mii, vestendoli, nutrendoli e dando loro tutto ciò di cui hanno bisogno, ricevendo in cambio da loro soldi e regali, che ci permettano di interagire maggiormente con loro e svolgere ancora meglio il nostro compito di “amministratori” del condominio. Possiamo ottenere soldi anche semplicemente grazie a donazioni degli abitanti, che saranno ovviamente proporzionali al numero di persone ospitate.

Siamo ricchi! Uh, forse no...
Siamo ricchi! Uh, forse no…

Non siate ingordi però, e non riempite subito l’isola con cento Mii, ricordatevi che poi dovrete occuparvene al meglio!

Descritta così però la nostra attività perde tutto il fascino che la caratterizza nel gioco, riassumibile nel semplice concetto di assurdità.

C'è magia nell'aria!
C’è magia nell’aria!

Tutto in Tomodachi si tinge di assurdo: ciò che i Mii desiderano, le notizie che l’emittente locale trasmette più volte al giorno, i discorsi che fanno tra loro, le tremende litigate in cui si tirano pentole e console, e soprattutto i loro sogni.

Sta sognando qualcosa! Indaghiamo!
Sta sognando qualcosa! Indaghiamo!

I sogni rappresentano un elemento particolarmente interessante del titolo, sia perché è davvero divertente osservare il nonsense prodotto dall’inconscio dei nostri personaggi, sia perché una volta concluso troveremo un oggetto in regalo, correlato al tipo stesso di sogno fatto.

Sì, gli hamburger sono spesso nei miei sogni
Sì, gli hamburger sono spesso nei miei sogni

Magari per il nostro Mii è stato terrorizzante, ma noi abbiamo ottenuto un piatto di calamari fritti! Non tutto il male viene per nuocere!

Anche le relazioni tra i personaggi spesso sfiorano l’assurdo: possiamo impegnarci in ogni modo per far frequentare due persone, ma alla fine saranno loro e solo loro a scegliere per chi provano dei sentimenti.

A quel punto possiamo decidere se essere misericordiosi e decidere di aiutarli, o se trasformarci in malefiche divinità, e distruggere i loro sogni, rendendoli depressi.

Anche nel caso in cui decidessimo di calarci nel ruolo di cupido, l’esito rimarrebbe in mano all’altro Mii.

La suspance mi sta uccidendo! Decidi, Peach!
La suspance mi sta uccidendo! Decidi, Peach!

…E sanno essere particolarmente crudeli nel rifiutare qualcuno!

Se tutto va bene avremo un matrimonio, a cui si arriva con un minigioco piuttosto crudele in verità, e un conseguente trasferimento nelle villette Mii, luoghi appartati e tranquilli in cui le coppiette possono andare a vivere (ma spesso vengono raggiunte da altri personaggi, che evidentemente non comprendono il concetto di privacy!).

Evviva gli sposi!
Evviva gli sposi!

Il passo successivo è la nascita di un bambino: la coppietta, ovviamente, ci chiede un parere al riguardo, e se concorderemo, a breve l’isola sarà allietata dal pianto di un neonato!

Nei giorni successivi dovremo occuparci anche di lui/lei, e l’impresa è decisamente ardua, sicuramente di più del gestire un adulto.  I piccoli, comunque crescono in fretta, perciò in men che non si dica potremo scegliere se farli trasferire nel condominio o viaggiare nel mondo.

Farli viaggiare li farà incontrare altri giocatori mediante streetpass, e ci permetterà di aprire l’area campeggio sulla nostra isoletta.

Pronti per ospitare gente
Pronti per ospitare gente

Si può però interagire con gli altri giocatori anche senza mandare via i pargoli: incontrando una persona che possiede il titolo, riceviamo subito da lui un abito “importato”che non troviamo normalmente in vendita da noi, e che potremo acquistare nell’apposito negozio  che verrà aperto nel caso di uno streetpass.

Temo per gli abiti che arriveranno. E ho buoni motivi per temere.
Temo per gli abiti che arriveranno. E ho buoni motivi per temere.

A parte le relazioni amorose, c’è tanto da fare sull’isola: si può cantare nella sala concerti, correre nel parco, riposarsi in spiaggia, andare al luna-park o rilassarsi nel bar, dove spesso i Mii si ritrovano per interessanti chiacchierate.

Uhm sì. Certo. Lo sapevo anche io.
Uhm sì. Certo. Lo sapevo anche io.

Le attività dei nostri personaggi sono in gran parte decise da noi, così come la loro felicità: ogni volta che esaudiamo un loro desiderio diventano più felici e possono salire di livello, e in quel caso possiamo decidere che regalo far loro, scegliendo tra soldi, una canzone, una frase, un oggetto  o un arredo per la stanza.

Tò, quanti regali!
Tò, quanti regali!

Se regaliamo loro un Wii U, passeranno molte ore felici in casa a giocare con gli amici, un gatto li farà rilassare e divertire, un nuovo arredo potrà colorare una stanza troppo grigia, mentre una canzone potrà far decisamente divertire noi, nel vederli esibirsi!

E ora chi li stacca più?
E ora chi li stacca più?

Descritte le meccaniche del titolo, è decisamente necessario soffermarsi un po’ sulla componente social, che è davvero imponente.

Tomodachi consente di scattare foto di entrambi gli schermi del 3DS, e di pubblicarli facilmente su facebook o altri social network, taggando gli amici coinvolti. Questa possibilità è senza dubbio il fiore all’occhiello del software, poiché è estremamente divertente mostrare agli altri le assurde situazioni in cui si sono cacciati, o le tenere scene romantiche che stanno vivendo – magari con persone che nella vita reale nemmeno sopportano!

Niente batte taggare un proprio caro amico in un’immagine in cui c’è il suo Mii, perfettamente riconoscibile, vestito da ninja e con  in testa un cappello da gambero fritto, che si esibisce in un musical.

Ora vi taggo TUTTI, tremate!
Ora vi taggo TUTTI, tremate!

Questa attività prolunga la longevità di Tomodachi, e dona sicuramente notevoli spunti per divertirsi con il titolo, che in fondo nasce proprio per essere giocato con gli amici: non direttamente, ma ricreandoli nella nostra città per poter creare situazioni assurde o nostalgiche.

Dal punto di vista emotivo, è possibile affezionarsi ai nostri personaggini, e l’apice si raggiunge probabilmente con la partenza del figlio di una coppietta da noi creata: è difficile non apprezzare le vecchie foto di famiglia e i video girati al piccolo, prima che cresca e se ne vada da casa.

La prima figlioletta non si scorda mai!
La prima figlioletta non si scorda mai!

In definitiva, dovreste comprare Tomodachi?

Se vi attira l’idea di ricreare personaggi famosi e vostri amici, mixare vite diverse e assistere a situazioni del tutto astruse, magari fotografandole e condividendole con il mondo decisamente sì.

Se cercate un gioco con obiettivi ben definiti, una trama o una vera progressione lineare, non è purtroppo un titolo che fa per voi.

Si ricorda infine, che acquistando Tomodachi Life riceverete due versioni di benvenuto da far provare ai vostri amici!

nd

Potrebbero interessarti

Recensioni

Unicorn Overlord, una Vanillarecensione

Vanillaware sgancia la bomba e porta un gioco strategico di tutto rispetto nelle nostre maniSono anni e anni che sentiamo parlare di Vanillaware, una software

Recensioni

Persona 3 Portable, recensione di mezzanotte

Il terzo capitolo sbarca su Nintendo Switch con l’edizione più controversaSe Persona 4 Golden è stato il titolo dell’ascesa di Atlus nell’olimpo del genere JRPG

Persona 4 Golden
Guide

Persona 4 Golden, guida ai quiz in classe

Ecco una pratica e utile guida per districarci nel panorama scolasticoPersona 4 Golden è un gioco già molto stratificato di suo, tra battaglie all’ultimo sangue

Articoli

Le abilità di copia più forti di Kirby!

Riscopriamo l’arsenale della pallina rosa a pochi giorni di attesa da Return to Dream Land DeluxeAmiche e amici di NintendOn, buon San Valentino! In occasione

Recensioni

Warp Drive, una recensione in 240p

Belli i giochi di corse, ma è meglio vedere dove si vaNel corso degli anni su Nintendo Switch sono arrivati praticamente tutti i generi videoludici

Recensioni

Circle of Sumo – Recensione

Yonder porta lo sport del sumo su Nintendo Switch, ma in un modo totalmente diverso da come potevamo immaginarlo. Circle of Sumo è una festa multiplayer!

Speciali

Fantastico Studio – Milan Games Week 2018

È tutto FantasticoLa Milan Gamesweek è stata come al solito un grande momento di incontro tra ogni tipo di giocatori. Le cose da vedere e

Recensioni

All-Star Fruit Racing – Recensione

Fruttariani, fatevi avanti!Da qualche anno a questa parte l’Italia ha iniziato a compiere i suoi primi passi nel mondo dell’intrattenimento videoludico. Sembra che il bel

Speciali

La mie paure per Metroid Prime 4

Attendo il nuovo Metroid Prime 4 con tutto me stesso. Ma gli ultimi giochi Nintendo, stanno facendo vacillare il mio entusiasmo. Perché?

Recensioni

Hey! PIKMIN – Recensione

Hey tu! Sì, parlo a te col fiore in testa!Hey Joe è un pezzo della tradizione americana portato alla ribalta dalla celeberrima versione di Jimi

Recensioni

Kirby’s Blowout Blast – Recensione

Una palletta rosa tra le parole Nintendo e 3DS!Kirby si trova alla grande su Nintendo 3DS/2DS: quella che la sfera rosa di HAL Laboratory ha intrapreso

Recensioni

I and Me – Recensione

Non un gatto, ma due. O è lo stesso?I and Me è un misto tra platform e puzzle game che più indie di così non

Recensioni

Flip Wars – Recensione

Flippami e Switchami tutto!Nintendo Switch e multiplayer, un connubio perfetto fin dal primo video che ha presentato al mondo la console della casa giapponese con