Com'è

Donkey Kong Country: Tropical Freeze

Pubblicato il
20 Febbraio 2014

Donkey Kong Country: Returns è stato un ritorno in grande stile per lo scimmione Nintendo e venne accolto positivamente dai fan e dalla critica. I possessori di Wii potevano contare su un platform splendido da vedere, da ascoltare e da giocare, anche se risultava un gioco di quelli tosti. Un plaftorm per i giocatori della vecchia guardia insomma.

Sembrava dovesse finire lì. Tutti si aspettavano che i ragazzi di Retro  Studios tornassero a far parlare di sé con un nuovo episodio del tanto atteso Metroid, finalmente in HD. Invece no, ecco tornare ancora DK, sempre bello, ma ancora lui. Ce n’era bisogno? Returns non era bastato? Insomma, un pizzico di amarezza, più che delusione. Tuttavia, più video venivano mostrati (e forse si è mostrato anche troppo), più il gioco sembrava attraente, anche se lo facevano sembrare un more of the same piuttosto che qualcosa di fresco e originale.

Donkey-Kong-Tropical-Freeze-NintendOn

Insomma, il ritorno di Donkey Kong, che corrisponde al suo ingresso nel mondo dell’HD, merita l’acquisto o siamo di fronte a un prodotto di cui i fan veramente potevano far a meno, lasciando piuttosto la precedenza alle avventure di Samus? Riguardo a questo la critica videoludica è abbastanza discordante, con valutazioni che partono dalla sufficienza fino ad arrivare a decantarlo come nuovo capolavoro Nintendo. Insomma, com’è questo Donkey Kong Country: Tropical Freeze? (da ora DKC: TF)

Tra i più delusi dall’ultima fatica Retro Studios troviamo Gamespot:”se i livelli regolari fossero stati originali come le battaglie con i boss, allora Tropical Freeze sarebbe stato un successo sicuro, o sicuramente un gioco che avrebbe attirato la vostra attenzione. Non importa quanto fossi stato impaziente di vedere DK in HD, è difficile mantenere l’entusiasmo quando il prodotto finale gioca sul sicuro: perfino gli elementi visivi non riescono a colpire. Sono belli quanto basta, ma così come il design dei livelli, gli ambienti risultano essere piuttosto sciatti. Anche se potreste sostenere che lo stile visivo resta fedele alla serie, penso che perfino ai tradizionalisti non dispiacerebbe un po’ più di brio. Così com’è, risulta essere un divertente, ma per la maggior parte senza ispirazione e immaginazione, episodio della serie di Donkey Kong“. Voto: 6/10

Altra sufficienza da Shacknews che ritiene il gioco “abbastanza divertente finché dura. DKC: TF è un divertente, troppo spesso frustrante e sempre splendido gioco. Essendo il primo episodio HD, lo distingue un po’ dai precedenti, ma se Nintendo intende continuare con questa serie, bisogna risolvere alcuni problemi ereditari e studiare quali livelli funzionino per rendere l’intera esperienza più piacevolmente coerente“. Voto: 6/10

Cominciamo a salire di voto con Nowgamer:”è impossibile affermare che DKC: TF sia un brutto gioco; ha tutti gli elementi qualitativi che vorreste da un gioco Nintendo. Ma non ha nulla di nuovo o eccezionale per lodarlo, ed risulta essere eloquente dei problemi di Nintendo in questo periodo più di ogni altra cosa“. Voto: 7/10

Altra buona valutazione da Edge Online: “c’è un aspetto tattico che mancava a DKC Returns, sebbene a Tropical Freeze manchi la fisicità di Jungle Beat e dei suoi controlli bongo, i quali rispecchiano in maniera più precisa le abilità del protagonista. EAD Tokyo aveva catturato la forza bruta della scimmia, ma anche la curiosa grazia dei suoi movimenti, i quali trasmettono una certa serena eleganza quando intonano assieme. Qui ha una forza inarrestabile , un treno in corsa difficile da fermare. Nelle sequenze più concitate di Tropical Freeze, ti potrebbe mancare l’affidabilità di Mario, ma la forza bruta del prodotto di Retro è tale da trasportare un potente, seppur tradizionale, platform oltre la linea del traguardo”. Voto: 7/10

Joystiq ritiene che “non c’è molto di quello scritto qui che non possa essere riproposto per una recensione di DKC Returns del 2010 ed è sia un problema che una raccomandazione. Sicuramente c’è la nuotatina nelle incantevoli acque blu, la piacevole colonna sonora del compositore della serie David Wise e perfino fondali ancora più belli negli ingegnosi livelli di Retro, ma la crescita significativa è ridotta all’osso. Tale è la benedizione e la maledizione della refrigerazione“. Voto: 8/10

Donkey-Kong-NintendOn

Secondo LazyGamer “DKC: TF è una meraviglia. Sebbene non si discosti minimamente dalle aspettative, si tratta di un’eccezionale, ed eccezionalmente tosto, platform che ogni masochista possessore di Wii U dovrebbe giocare“. Voto: 8.5/10

Dal noto IGN abbiamo un voto vicino al perfect score: “DKC: TF è un platform fantastico pieno di sequenze adrenaliniche e livelli tosti. Le battaglie con i boss raggiungono vette altissime, ed è ricco di segreti difficili da scovare e oggetti da collezionare“. Voto: 9/10

Altra ottima valutazione da GameTrailers che afferma che “l’evoluzione di Tropical Freeze dal suo predecessore non è che sia un balzo piuttosto lungo per una scimmia, ma è un passo nella direzione giusta. Non mantiene solo lo status quo come platform impegnativo, ma miscela nuovi elementi appena sufficienti per evitare che risulti essere un rimaneggiamento del precedente episodio. Sareste delle banane a lasciarvi sfuggire l’occasione di aggiungere Tropical Freeze alla vostra orda Wii U”. Voto: 9.1/10

Punteggio pieno mancato per poco da Nintendo World Report: “DKC: TF non rappresenta un titolo particolarmente sorprendente per Nintendo, e non è che sia il titolo che spingerà le vendite del Wii U nella stratosfera, ma è un altro meraviglioso classico gioco Nintendo su un sistema che lentamente si sta costruendo una bella libreria. Se siete dei possessori di un Wii U alla ricerca di qualcosa da giocare, sicuramente non sbaglierete. E’ esattamente il tipo di gioco che Nintendo riesce a far bene, ed è tra i migliori”. Voto: 9.5/10

Destructoid premia la fatica Retro con un punteggio perfetto: “non pensavo fosse possibile, ma DKC: TF ha superato Returns. E’ un platform molto ben fatto con una lucentezza HD e un’insana attenzione ai dettagli, e ogni fan del genere deve a se stesso un’esperienza con questo titolo. L’aggiunta di opzioni di controlli con una formula già collaudata, la versione di DK di Retro Studios è praticamente impeccabile“. Voto: 10/10

Sembra proprio da questi brevi estratti che la nuova avventura di DK non aggiunga niente di nuovo al precedente episodio, restando comunque un gioco per palati sopraffini, pronti a una sfida per nulla semplice, ma gratificante e bella da vedere e sentire grazie alla meravigliosa colonna sonora di David Wise.

E noi di NintendOn cosa ne pensiamo? A breve arriverà la nostra recensione, intanto diteci la vostra se avete già provato con mano il nuovo e tanto atteso Donkey Kong Country: Tropical Freeze.