News

Nintendo non vede un futuro difficile, niente licenziamenti all’orizzonte

Scritto da

Pubblicato il
05 Novembre 2013

Le spese di Nintendo continuano a salire ma le vendite sono in calo. Negli ultimi 5 anni la compagnia ha visto un incremento di circa 1.000 persone e, ad una conferenza sui risultati finaziari di Nintendo, un partecipante ha chiesto se la software house aveva in mente l’idea di ridurre il personale visti i mancati introiti, cosa che hanno già fatto anche altre SH visti i tempi di crisi.

Ebbene, questa è un’idea che il presidente di Nintendo, Satoru Iwata, non prende nemmeno lontanamente in considerazione.

Iwata ha sottolineato gli alti e bassi, abbastanza comuni, nel settore videogiochi, e sente che comunque le cose miglioreranno. Ha poi detto che, se mai fosse richiesto un taglio dei costi, di certo il licenziamento di una parte dei dipendenti non sarebbe affatto la prima scelta che prenderebbero in considerazione.

 

Qui le parole di Iwata in risposta alla domanda del partecipante alla conferenza:

 “Se pensi che non ci sia alcuna possibilità di miglioramento per Nintendo, allora avresti ragione sul fatto che sia necessario rivedere la struttura della forza lavoro e l’azienda stessa. Tuttavia, credo che ci siano oscillazioni verso l’alto e verso il basso nel settore dei videogiochi e credo anche che Nintendo abbia il potenziale per mantenere un grande business e per realizzare questo obbiettivo sono necessari buoni sviluppatori , capacità di localizzazione e la capacità di vendere all’estero. Abbiamo bisogno di una società con un sacco di muscoli e senza alcun grasso in eccesso. La riduzione della forza lavoro non è la prima opzione che consideriamo anche quando è richiesto il taglio dei costi . Vorrei farvi capire che questo è dovuto al fatto che non vediamo un futuro buio per Nintendo.”

 

Molto rassicuranti le parole del presidente, voi cosa ne pensate?

 

Fonte: NintendoEverything