Speciali

Paragoni Improbabili – Gravity e Cosmic Walker (un gioco per Wii che nessuno ricorda tranne me.)

Pubblicato il
10 Ottobre 2013

Avete visto Gravity di Alfonso Cuaron al cinema? No?
Beh, correte a comprare un biglietto e scegliete la fila migliore. No, no… non disdegnate la versione 3D come fate con tutti gli altri film, anzi, stavolta guardate assolutamente SOLO e unicamente quella, ne vale la pena.
È il primo 3D che ha un senso in un film, ne è parte integrante ed è anche fatto decisamente bene, molto più di Avatar. (ricordate? Quel film banale con gli omini blu minacciati da quell’uomo cattivo… no, non c’entra nulla Gargamella. NO, NON SONO I PUFFI, PERDIO!)

Beh, mi direte, “che c’entra Gravity con Nintendo?
Per i più attenti e malati mentalmente c’entra eccome.
Ci siete arrivati? Ok no, è solo la mia mente malata che fa di questi assurdi collegamenti e porta alla memoria indicibili ed insulsi trailer di giochi mai usciti. Sì, mi riferisco a quel lungo trailer di giochi finiti nel dimenticatoio e poi mai usciti presentati da Nintendo all’E3 2006.
E uno di quelli era… un gioco ambientato nello spazio, in cui si impersonava un semplice astronauta.

Si chiamava Cosmic Walker, era sviluppato da Nintendo stessa, ed era riuscito a stuzziare un bel po’, in tutti noi, la curiosità nell’osservare quel suo incedere lento, la sua ambientazione vuota e senza mostri di alcun tipo, come se nascondesse chissà quale gameplay geniale. Vi linko in alto alla news il breve e unico video mai rilasciato da Nintendo.

Poi guardi il film di Cuaron, torni a casa più ansioso di un Chihuahua con l’asma alla sua prima visita dal veterinario (colpa e merito del film, BELLISSIMO.) e ti scatta la lampadina: e se fosse dovuto essere davvero così quel gioco?
Ed eccomi qui, a scrivere questo breve e probabilmente inutile articolo: “Ma sì,“- mi son detto – “è l’una e mezza di notte, troppo presto per andare a dormire e troppo tardi per far qualcosa di sensato. SCRIVIAMO UN ARTICOLO.

Davvero non capisco a volte come possano sfuggire progetti che sembrano ormai quasi ultimati così, all’improvviso, gettando al vento mesi e mesi di lavoro e risorse.
Non sarebbe più semplice proporne una versione digitale scaricabile dall’eShop a basso prezzo?
Vabbè, comunque, ma quanto era avanti Nintendo con Cosmic Walker? Insomma, guardando il film sembrava quasi che il regista avesse preso a piene mani dalla bozza di quel progetto ormai caduto nel dimenticatoio e lo avesse sviluppato in maniera sublime, come mai visto prima d’ora.
Scene in primo persona, fisica quasi “protagonista principale” del film, come se il tutto fosse stato creato prendendo il motore fisico di Mario Galaxy, levando Mario, e mettendo al suo posto Sandra Bullock in versione super-gnocca. (e qui son le 2 passate, si va degenerando)

Boh, ma tutto questo discorso per dire cosa?
Semplice: Nintendo, riprendi quel concept e fanne un gioco serio.
Il Wii U di potenza ne ha da vendere, la lineup scarseggia di idee fresche, quindi riaggiungi quel pizzico di originalità che ti ha caratterizzato nell’era Wii (vedi anche lo stesso Disaster, o Endless Ocean.) e che purtroppo sembra ormai completamente sparita.

Voglio credere che abbiano ritenuto inutile presentare giochi che sarebbero stati oscurati ormai dall’uscita delle prossime home console Sony e Microsoft, e che dall’anno prossimo si impegnino decisamente di più sulle uscite per Wii U, perchè, davvero, un Natale così “vuoto” non lo ricordavo da tempo.