Speciali

The time has (almost) come. Prima parte

Scritto da

Pubblicato il
10 Giugno 2013

Mancano poco più di 24 ore ormai, il countdown scorre inesorabile. Manca poco a quello che potrebbe essere l’E3 più importante in termini di annunci di Nintendo degli ultimi anni. Importante perché sarà la conferenza che deciderà le sorti di WiiU, importante perché dopo i seppuku giornalieri di Microsoft per la casa di Kyoto è il momento di affilare gli artigli e graffiare come non ha mai fatto prima. Sappiamo già quel che vedremo e la lista contiene primedonne che potrebbero fare impallidire qualsiasi avversario e qualsiasi Gamer. Il nuovo Mario 3d, il nuovo Mario Kart, Smash Bros, Wind Waker HD e il nuovo Zelda per 3DS, Xeno, Bayonetta, Pokèmon X/Y e sicuramente anche i due nuovi Yoshi. E se le bombe non fossero abbastanza, l’infarto potrebbe arrivare, finalmente, con il gioco dei Retro Studios. http://youtu.be/NDSTAqXdEss Cominciamo da Mario 3d. L’eredità di Galaxy è pesante, pesantissima. Da quando venne annunciato all’E3 2006 al giorno della sua uscita poco più di un anno dopo, Super Mario Galaxy si rivelò una sorpresa continua, ridefinendo completamente un genere per l’ennesima volta. Fino all’uscita del suo seguito, Sua Maestà Super Mario Galaxy 2, nessun platform riuscì ad avvicinare minimamente la qualità del nuovo capitolo dell’idraulico. Il nuovo Mario quindi, si porta dietro un carico di aspettative ben superiore rispetto all’epoca di Mario 64 ed è probabilmente il gioco più atteso della lista. Siamo estremamente curiosi e fiduciosi. Cosa ci aspettiamo? Un gioco che prende ispirazione da quel gioiello di 3D Land e unisce la meraviglia, lo stupore, la giocabilità stellare dei Galaxy per creare il nuovo Re dei platform. O forse, il nuovo Re dell’industria videoludica. Mario Kart WiiU sarà l’erede di 7 ed è chiamato a migliorare l’esperienza di gioco del mai troppo osannato e criticato capitolo portatile. Mario Kart 7 possiede infatti un gameplay raffinato, snellito e migliorato rispetto al capitolo per  Wii ma soffre nella carenza di modalità, di piste e personaggi. Un bellissimo gioco, estremamente godibile con gli amici ma castrato a causa di tempi di sviluppo brevi e della necessità di un’uscita natalizia per risollevare le vendite del 3DS. Missione compiuta ma a scapito della qualità del titolo. Il vero capolavoro mancato della piccola console a due schermi e il gioco che più di chiunque altro avrebbe beneficiato della presenza di DLC che, fino ad oggi, non si sono visti. Quello che vogliamo è il gameplay di 7 con più modalità, personaggi, piste. Vogliamo le missioni, una modalità rpg finalmente e soprattutto, basta con le solite 32 piste. Basta con 16 piste nuove e 16 classiche. C’è un bagaglio enorme mai sfruttato e il tutto si riduce sempre alle solite 8 coppe. Ricordi Diddy Kong Racing Nintendo? O il bellissimo Crash Team Racing? Ecco, ricomincia da li. Non avere fretta nello sviluppo, vogliamo un gioco che ci intrattenga per centinaia di ore. Smash Bros rappresenta il ritorno di uno dei brand meno sfruttati da Nintendo e al contempo stesso più amati. Sakurai ci ha regalato un gran numero di perle e con Kid Icarus: Uprising ha toccato il suo apice attuale come game designer. Storia e level design a livelli altissimi, un’infinità di contenuti, di armi, di obiettivi secondari da centrare nel gioco. Chi non vede l’ora di ammirare il suo nuovo Smash Bros? E soprattutto, cosa porterà la collaborazione con Namco-Bandai? Le voci di una presenza di Goku saranno vere? L’idea di una kamehameha che si scontra con il psicoraggio di Mewtwo ci stuzzica non poco. Cosi come ci stuzzica l’interattività con la versione 3DS e se le due versioni saranno lo stesso gioco o si completeranno a vicenda. Sakurai. Un nome che non richiede presentazioni e che non può suscitare in noi il minimo dubbio. Facci godere. http://youtu.be/jlyDXjW9XXc Wind Waker HD. Every game has a story, only one is a legend. Wind Waker fu il capitolo che più di tutti probabilmente divise l’utenza Nintendo. Amato, osannato come il più poetico della saga, con uno stile grafico ancora attuale oggi dopo oltre 10 anni. Criticato per la seconda metà di gioco ritenuta da alcuni noiosa e per il basso numero di dungeon. Amato o odiato, Wind Waker è un titolo fondamentale nella storia di Zelda per il suo coraggio, la sua voglia di osare e distaccarsi dal passato. Per la magia di un mondo sconosciuto, ambientato nel futuro dopo determinati eventi che l’hanno trasformato in un’enorme distesa di acqua. Un titolo leggendario pronto a risplendere in una veste grafica rinnovata, in un magnifico HD. E, dei sopra citati, probabilmente sarà anche il primo a giungere nelle nostre case se le promesse verranno rispettate: Settembre 2013. Zelda per 3DS, chiamato in codice A Link to the Past 2, sarà invece il seguito diretto dell’avventura per SNES che ci ha fatto sognare da bambini. Secondo gli ultimi rumors sarà ambientato parecchi anni dopo gli eventi che coinvolsero Light e Dark World e presenterà dungeon e ambientazioni completamente differenti. Con visuale a volo d’uccello, non può che farci scendere una lacrimuccia di nostalgia. Per chi non l’avesse ancora fatto, correte a scaricarvi il trailer dal 3DS. Non c’è nessun filmato in rete che gli renda giustizia e non c’è modo migliore di raccontarlo. Nella seconda parte, tra poche ore, Xeno, Pokèmon X/Y, i due Yoshi e Bayonetta 2. E il sogno chiamato Retro Studios. Intanto, cominciate a pregare con questo sacro cantico. http://youtu.be/O_VCIkL9cy8